Vedi altri articoli e video “Speciale Vini d’Abruzzo 10° Tullum”

Intervista di Giuseppe danielli, direttore Newsfood.com

Tollo (CH), 27 e 28 maggio 2018, Consorzio Tutela Dop Tullum: Piccole Dop in grandi carte dei vini

 

PAOLO LAUCIANI
A parte poche eccezioni come Soldati, Piovene e Gessi, che giravano l’Italia per raccontare la situazione politica, gli usi alimentari e la cultura enoica, oggi in Italia si fa ancora fatica nel comunicare bene i cambiamenti che la produzione di vino ha avuto da quegli anni, che presente sta vivendo e quale sarà il futuro della produzione italiana. Lo abbiamo chiesto a Paolo Lauciani, docente, sommelier FIS e personaggio televisivo di spicco nella trasmissione televisiva “La Prova del Cuoco” su Rai1, che ha confermato la nostra idea. Il nostro è un paese che ha faticato molto negli ultimi anni per arrivare ad un buon livello di confronto con i cugini francesi, e nonostante questo resta comunque il fatto che non riusciamo a raccontare, anche i nostri vini. Secondo Lauciani questo gap potrebbe essere figlio di una civiltà contadina che considerava il vino un alimento e quindi non era necessario parlare di qualcosa che faceva già parte del quotidiano ed era considerato molto probabilmente subcultura.

Nei libri di storia, infatti, prima della rivoluzione apportata da Massimo Montanari, era difficile trovare riferimento a cosa mangiavano e cosa bevevano gli italiani in determinati periodi storici. Ma il cibo così come il vino sono cultura e devono essere raccontati perché sono la testimonianza di cambiamenti socio politici diretti e del cambiamento di prospettiva che gli italiani hanno rispetto al vino, non più considerato un alimento ma il piacere di una scelta.

Identità è la parola d’ordine per tante piccole realtà italiane che come Tollo stanno cercando di trasmettere il loro messaggio al mondo partendo da zero, comunicare la propria differenza rispetto a tutto il resto, perché l’identità nel mondo del vino può diventare la sinergia tra territorio, vitigni,
uomo, che deve suonare questi strumenti in maniera diversa rispetto a tanti altri.

 

Redazione Newsfood.com