Parassiti intestinali, un nemico subdolo e pericoloso

Parassiti intestinali, un nemico subdolo e pericoloso

Le parassitosi intestinali sono infezioni che riguardano l’apparato digerente, a causa di microrganismi noti appunto, con il nome di parassiti.

Le parassitosi intestinali più frequenti nel nostro Paese sono causate da protozoi (es. Giardia) e metazoi. I primi sono organismi unicellulari, mentre i metazoi sono pluricellulari. I vermi intestinali appartengono alla famiglia dei metazoi e sono distinti in:

  • Vermi del gruppo dei Nematodi: sono chiamati cosi perché sono di forma cilindrica, (es. AnisakisTrichinellaOssiuro)
  • Vermi del gruppo dei Cestodi: sono chiamati così perché sono a forma di nastro (es. Tenia)
  • Vermi del gruppo trematoidi: chiamati così perché sono a forma di foglia (es. Schitosoma)

Vermi intestinali, come avviene il contagio

vermi intestinali possono penetrare nell’organismo ingerendo cibi non adeguatamente lavati (es. verdure concimate con acque nere) o consumando carni poco cotte o crude. La Tenia ad esempio, si può contrarre proprio in questo modo ed è responsabile della condizione nota come “verme solitario”.

Anche le mani, se non accuratamente lavate, possono essere veicolo di trasmissione. Il contatto con rifiuti, materiale fecale o la terra può innescare la diffusione di parassiti, ad esempio portando inavvertitamente le mani alla bocca (es. per mangiare) prima di lavarle.

I vermi intestinali, una volta ingeriti attraverso il cibo e le mani, depositano le uova nel duodeno, la prima parte dell’intestino tenue. Qui trovano l’habitat perfetto per schiudersi e diventare larve, in grado di aprirsi un varco nella parete intestinale. Da qui migrano prima nel sangue, poi nei capillari polmonari.

Dopo una decina di giorni, le larve cominciano a risalire la trachea fino a raggiungere l’orofaringe, dove sono in parte eliminate e in parte ingerite. Quelle ingerite infine, ripercorrono l’apparato digerente e si fermano di nuovo nell’intestino tenue, dove trovano le condizioni ideali per maturare e diventare vermi.

vermi nei bambini è un fenomeno piuttosto comune e per due ragioni molto semplici: la tendenza a trascurare le buone abitudini igienico-sanitarie (esl non si lavano bene le mani) e  la fisiologica immaturità del sistema immunitario.

Sintomi vermi intestinali

I sintomi della parassitosi intestinale dipendono dal tipo di parassita infestante. Le manifestazioni più comuni sono:

  • Dolori addominali
  • Diarrea
  • Nausea
  • Vomito
  • Gas nell’intestino e senso di gonfiore addominale

Alcuni parassiti tuttavia, possono causare altri sintomi, che non riguardano l’intestino, quali:

  • Anemia
  • Deficit nutrizionali
  • Prurito anale o vaginale (es. ossiuri)
  • Tosse stizzosa, con tracce di sangue nell’escreato
  • Fibrosi epatica
  • Cirrosi epatica
  • Sangue nelle urine
  • Difficoltà a urinare
  • Minzione frequente
  • Orticaria

Diagnosi

Per verificare la presenza di un’eventuale parassitosi intestinale, oltre all’esame obiettivo da parte del medico, è indispensabile l’esame delle feci. Le analisi vengono ripetute su un paio di campioni fecali raccolti a distanza di qualche giorno l’uno dall’altro.

Parassitosi intestinale, una efficace

Il trattamento dei vermi intestinali è di tipo farmacologico. In base alla specie di verme intestinale infestante si sceglie il medicinale più adatto. Il Mebendazolo e il Pirantel pamoato ad esempio, sono impiegati per la cura delle infestazioni da nematodi. L’Albendazolo invece è indicato anche nel trattamento delle infestazioni da cestodi. Il Niclosamide viene usato per la cura della Tenia, mentre il Praziquantel soprattutto nella cura della schistosomiasi.

Leggi Anche
Scrivi un commento