Aumentano del 30 per cento rispetto allo scorso anno le presenze in agriturismo dove durante le vacanze di Pasqua si stima troveranno ospitalità per l’alloggio 150 mila agrituristi con
oltre 900 mila pasti serviti e un giro d’affari di circa 50 milioni di euro. E’ quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che la primavera anticipata e le previsioni del tempo favorevoli
hanno determinato un forte aumento della domanda per la vacanza in campagna confermata anche dalle stime di Federalberghi. Ad affollare gli agriturismi per il classico pranzo di Pasqua,
preparato nel pieno rispetto delle tradizioni, saranno soprattutto i gruppi familiari, mentre per il giorno di Pasquetta si registrerà – afferma la Coldiretti – il pienone di ragazzi
che, sempre più spesso, scelgono l’agriturismo come valida alternativa al solito pic-nic fuori porta. Per i ritardatari – continua la Coldiretti – è possibile comunque trovare
occasioni dell’ultimo minuto attraverso la rete dove è presente il sito www.terranostra.it con una selezione di quasi
millecinquecento agriturismi che possono essere scelti attraverso un motore di ricerca per tipo di ospitalità, collocazione geografica, prezzo e servizi offerti, compreso il benvenuto
agli animali. Le previsioni per la Pasqua confermano un trend di crescita che ha portato nel 2006 ad un bilancio positivo delle presenze con oltre tre milioni di ospiti e – conclude la
Coldiretti – un fatturato complessivo pari a circa 900 milioni di euro ( 12 per cento) realizzato nei 15mila agriturismi nazionali.

www.coldiretti.it