“Con il tesserino unico regionale per la raccolta dei funghi si fa un grande passo avanti nel campo della semplificazione che favorisce il cittadino appassionato e attento alla tutela
dell’ecosistema del bosco”. E’ il commento di Nicola de Ruggiero, assessore regionale all’Ambiente, alla definitiva definizione della proposta di legge (primo firmatario il consigliere
regionale Luca Robotti) sulla “Tutela dei funghi epigei spontanei”, da parte della competente commissione del Consiglio regionale.

“La nuova proposta, aldilà di uniformare in tutto il Piemonte le modalità di emissione dell’autorizzazione alla raccolta dei funghi – aggiunge l’assessore – permette di effettuare
un pagamento pluriennale, tramite un semplice versamento alla posta”.

In precedenza i tesserini erano annuali, venivano emessi dagli Enti locali esclusivamente per le proprie aree di competenza territoriale.

“I proventi che deriveranno dalla legge regionale – aggiunge de Ruggiero – serviranno alle comunità per incentivare la tutela, il mantenimento ed il controllo delle aree boschive,
privilegiando le finalità ambientali”.

Tra le altre peculiarità, la proposta di legge prevede anche una maggiore valorizzazione delle associazioni micologiche, soprattutto nell’attività di ricerca.

Ora la proposta di legge passa al vaglio dell’assemblea regionale per la sua approvazione definitiva.

www.regione.piemonte.it