Più latte e frutta biologica nelle scuole toscane

Firenze – Latte e frutta sono sempre meno presenti nella dieta dei giovani studenti toscani? La Regione interviene, mettendo in cima alla lista della priorità per
l’accesso ai fondi delle legge che sostiene l’utilizzo di prodotti biologici e tipici nelle mense, l’introduzione di distributori di latte e di frutta biologica, con un finanziamento pari al
90% del loro costo.

E’ questa una delle novità contenute nel quarto bando della legge n.27 del 2002, secondo il testo approvato dalla giunta regionale su proposta dell’assessore all’agricoltura.
La priorità assegnata all’installazione dei distributori di latte e frutta riguarda sia la parte del bando che assegna un finanziamento pubblico a tutte le mense e le refezioni dei
Comuni, degli ospedali e delle università, che decidono di proporre nei loro menù quote importanti di prodotti biologici, di prodotti di agricoltura integrata e di prodotti
tipici, sia ai comuni che promuovono programmi di educazione alimentare. L’intento è quello di rendere sempre più capillare la presenza di questi distributori nelle scuole.

Altro capisaldo del bando la priorità riservata, nell’attribuzione dei fondi, a quelle mense che faranno ampio ricorso ai prodotti del territorio, attingendo alla rete regionale della
distribuzione diretta, varata per consentire un contatto ravvicinato tra chi produce e chi consuma, garantendo a quest’ultimo notevoli vantaggi in termini di costi e di garanzie di
genuinità del prodotto.
Nell’illustrare il provvedimento l’assessore ha evidenziato come questo bando abbia sia un valore promozionale (permette di promuovere e sostenere il consumo dei prodotti tipici e di
qualità che vengono direttamente dal nostro territorio), ma anche educativo e alimentare: trasmette infatti il valore di una corretta alimentazione basata sulla genuinità dei
nostri prodotti.

In questa fase il bando sarà finanziato con 800mila euro: il contributo ammissibile per l’introduzione dei prodotti nelle mense raggiungerà fino al 60% dell’importo complessivo e,
come detto, sino al 90% nel caso dei distributori di latte e frutta. E permetterà di allargare ancora la rete delle mense con prodotti di qualità toscani: l’ultimo bando ha
permesso di finanziare la presenza di prodotti tipici e biologici in 32 mense, e è servito a realizzare trenta iniziative di educazione alimentare (di cui 23 per corsi di prevenzione
dell’obesità).

Massimo Orlandi

Related Posts
Leave a reply