Pranzo di Natale, il 92% degli italiani starà a casa con la famiglia, ma il 3% rinuncerà per problemi economici

 

Gli italiani non rinunciano a trascorrere il Natale in famiglia e vicino alle persone più care. Secondo il sondaggio Confesercenti-Swg sul Natale, con una lieve flessione
rispetto al 2007, il 92% degli intervistati dichiara che passerà vigilia e 25 dicembre in famiglia a casa.

La tradizione si mantiene salda nel Mezzogiorno, mentre al Nord un’esigua percentuale di intervistati, il 4%, dichiara di preferire recarsi al ristorante, piuttosto che restare
all’interno delle mura domestiche.

Sebbene non particolarmente significativo, risulta, tuttavia, importante sottolineare come il 3% (1,8 milioni) dei rispondenti questo anno non farà la cena o il pranzo di natale,
perché si trova in difficoltà economiche.

Secondo la valutazione Confesercenti-Swg, si spenderanno a Natale complessivamente poco più di 2,5 miliardi di euro e la spesa è in diminuzione rispetto a Natale 2007
(-7).

Se alla cena o al pranzo di Natale non si rinuncia, si può però risparmiare sui costi. Rispetto alla media di 112 euro registrata nel 2007, quest’anno gli italiani
dichiarano di voler spendere in media attorno ai 104 euro: accanto al 44% di quanti non spenderanno più di 75 euro, infatti si riduce al 2% la disponibilità anche dei
più facoltosi, disposti meno del passato ad affrontare spese più consistenti (oltre 250 euro).

Leggi Anche
Scrivi un commento