Premio Birra Moretti Grand Cru: Al via la quarta edizione del concorso gastronomico rivolto ai giovani chef italiani

Premio Birra Moretti Grand Cru: Al via la quarta edizione del concorso gastronomico rivolto ai giovani chef italiani

Milano – E siamo a 4. Inizia oggi l’edizione 2014 del Premio Birra Moretti Grand Cru,  l’ormai noto concorso nazionale (primo, nel suo genere) per Chef e Sous Chef under 35 con la passione della birra in cucina che, promosso da Birra Moretti in partnership con Identità Golose (The International Chef Congress), mette alla prova l’originalità, le capacità e la fantasia dei migliori giovani talenti culinari italiani.

Due gli step per arrivare in finale. La prima prova prevede l’ideazione di un piatto salato, la cui ricetta va inviata alla Segreteria del Premio entro il 22 luglio. Un primo? Un secondo? Una pizza? A base di carne, di pesce o di verdura? Nessun vincolo, spazio alla fantasia. Un duplice fondamentale obbligo deve però essere rispettato nel dar vita alle ricette, ovvero quello di utilizzare sempre una delle birre della famiglia Birra Moretti (come ingrediente e in abbinamento) e una o due delle spezie/erbe aromatiche previste dal regolamento. Solo i 50 partecipanti che supereranno la selezione, a insindacabile giudizio di una ristretta Giuria composta da chef affermati ed esperti gourmand, affronteranno poi la prova del ‘dolce’ (in questo caso la ricetta va presentata entro il 19 settembre), nella speranza di guadagnarsi il diritto di accedere a novembre alla finalissima dal vivo, per la prima volta prevista a Milano.

Sono ben 7 le referenze Birra Moretti che i giovani chef hanno a disposizione per ideare e preparare le proprie ricette. Una più dell’anno scorso: la gamma della famiglia si è infatti recentemente allargata includendo Birra Moretti Radler, una nuova bevanda in cui il corpo e il carattere allegro della birra (45%) si uniscono al gusto fresco del succo di limoni (100% italiani, o meglio siciliani) per dare vita a un sapore armonico con soli 2 gradi (2% alc. vol.). E per regalare ai piatti ancora più gusto, senza esagerare con i condimenti, tutti i concorrenti devono utilizzare una o al massimo due fra le 12 spezie/erbe aromatiche ammesse.

 Le 7 referenze Birra Moretti…

Birra Moretti
Birra Moretti Zero
Birra Moretti Baffo d’Oro
Birra Moretti La Rossa
Birra Moretti Doppio Malto
Birra Moretti Grand Cru
Birra Moretti Radler

…  e le 12 spezie/erbe aromatiche

Aglio
Curcuma
Cannella
Dragoncello
Cardomomo
Fieno Greco
Chiodi di garofano
Nigella Sativa
Coriandolo
Sesamo Nero
Cumino
Zenzero

La birra – sia come ingrediente sia in abbinamento– continua dunque ad essere la protagonista, affiancata per il secondo anno consecutivo da spezie ed erbe aromatiche, che dovranno essere utilizzate dai concorrenti nella realizzazione delle ricette. La Giuria valuterà le preparazioni anche in base all’originalità nell’uso della spezia/erba aromatica e alla competenza dimostrata nell’abbinarla a una delle birre della famiglia Birra Moretti, per esaltare al massimo l’accostamento tra cibo e sapori.

Qualità, originalità e innovazione saranno alla base del concorso, con cui le giovani eccellenze della cucina italiana saranno chiamate a creare dei mini-menu esaltando il gusto leggero di birra, spezie ed erbe aromatiche.

In cucina le spezie e le erbe aromatiche sono davvero una risorsa in più, sono da sempre un alleato molto efficace per arricchire i piatti. Proprio per questo, per stimolare la creatività dei concorrenti, anche quest’anno il Premio richiede un loro utilizzo nelle ricette presentate. Varie e versatili le spezie e le erbe aromatiche, possono essere utilizzate sia in fase di cottura degli alimenti, per valorizzarne il sapore, sia a crudo, magari per esaltare un condimento, così come le diverse birre della famiglia Birra Moretti.

“Basta citare davvero pochi numeri per dimostrare il successo del Premio: 446 concorrenti nelle scorse 3 edizioni e 622 ricette realizzate ad hoc. Sono numeri importanti che danno ragione all’idea di base del concorso: accompagnare la birra sulla tavola degli italiani dimostrando come essa possa ben abbinarsi alla migliore cucina.” – dichiara Alfredo Pratolongo, Direttore Comunicazione e Affari Istituzionali di HEINEKEN Italia – “Il premio è la prima piattaforma di scouting dedicata ai migliori Chef italiani. Grazie a questo concorso i giovani talenti emergenti si sono fatti notare agli occhi di Giurie sempre composte dagli chef più importanti d’Italia ma anche da tutto il mondo dell’alta ristorazione e i vincitori delle prime edizioni sono oggi chef sempre più affermati. Crediamo che questo concorso abbia dato tanto al mondo della ristorazione e abbiamo alte aspettative di crescita ulteriore, stimolando i giovani ad osare oltre che a divertirsi. L’introduzione del tema delle spezie lo scorso anno ha riscosso un grande successo, spronando i giovani chef a superare il concetto di puro abbinamento ricetta/ birra e a ragionare direttamente sui sapori alla base di un piatto.”

“Quarta edizione del Premio Birra Moretti Grand Cru e non ci possono essere dubbi: sta diventando oramai un classico tanto che inizia a camminare con le sue gambe. Il problema, quando si ha un’idea nuova, è passare dal campo delle ipotesi a quello concreto della realtà, quando davvero si ha modo di verificare la bontà di una novità. E che la birra potesse essere usata come un ingrediente (e non solo come bevanda in abbinamento), non lo abbiamo scoperto noi. Però è sempre stata una sfida tosta perché non è mai facile domarne la personalità – dichiara Paolo Marchi, ideatore e curatore di Identità Golose – Tre edizioni – e adesso la quarta – hanno dimostrato che decine e decine, centinaia di giovani cuochi non si fermano davanti al primo ostacolo e insistono fino in fondo, pensando prima un piatto salato e poi al relativo dessert. Per il 2014 il filo conduttore saranno ancora le spezie e le erbe aromatiche, un lotto ben definito, un numero inferiore, ristretto rispetto alla passata edizione. Questo per alzare ancora di più l’asticella della qualità e andare sempre più in profondità nella conoscenza del mondo delle birre della famiglia Birra Moretti impiegate in cucina”.

Continua anche per il 2014 la collaborazione con l’Associazione Le Soste che promuove il bando di concorso tra i giovani chef dei ristoranti associati, riconoscendo al Premio Birra Moretti Grand Cru un contenuto di valore coerente con i suoi ideali di cultura gastronomica, convivialità, accoglienza e cortesia.

Il Regolamento completo può essere consultato su www.birramoretti.it e www.identitagolose.it.

Le tappe del Premio

Pronti, via!

Il concorso prevede anche quest’anno due fasi eliminatorie e una prova finale. Come visto, per superare la prima selezione agli chef è chiesto di proporre un piatto salato che preveda l’utilizzo, in ricettazione e in abbinamento, di una delle sette specialità della famiglia Birra Moretti e di una o due spezie/erbe aromatiche.

Entro il 22 luglio 2014 i partecipanti devono inviare alla Segreteria del Premio:

  • La documentazione tecnica riportante gli ingredienti necessari alla realizzazione della ricetta (word o pdf)
  • La descrizione delle varie fasi e dei processi di preparazione della ricetta (word o pdf)
  • L’abbinamento spezia/erba aromatica/birra in accompagnamento al piatto motivandone le scelte (word o pdf)
  • L’abbinamento piatto/birra (word o pdf), motivando le scelte per la birra usata come ingrediente
  • Un massimo di n°3 fotografie del piatto realizzato (jpg)
  • La scheda con i dati personali (in formato word o pdf), comprendenti nome del ristorante/luogo di lavoro, incarico ricoperto, recapito telefonico personale e indirizzo e-mail, unitamente a una propria foto identificativa
  • Il curriculum vitae riportante l’esperienza professionale e i titoli di studio conseguiti

La documentazione relativa al piatto proposto deve essere predisposta in forma anonima (ovvero separatamente dai propri dati anagrafici) e spedita via posta elettronica ([email protected]) o tramite posta ordinaria alla segreteria del concorso (Magenta Srl – Concorso Premio Birra Moretti Grand Cru, Corso Magenta, 46 – 20123 Milano). Entro il 26 luglio 2014 una giuria ad hoc composta da tre esperti selezionerà i 50 chef che avranno accesso alla seconda fase valutando le ricette secondo cinque specifici criteri: presentazione attraverso fotografia; originalità; utilizzo dell’ingrediente birra; abbinamento spezia/birra; dinamica di realizzazione.

Dal salato al dolce

I 50 partecipanti selezionati dovranno successivamente inviare (entro e non oltre il 19 settembre 2014 e con le stesse modalità della prima fase) la ricetta di un dessert che sia in armonia con il piatto salato presentato precedentemente. Anche questa seconda ricetta dovrà dar risalto a una o due delle dodici spezie e dovrà includere una delle specialità della famiglia Birra Moretti tra gli ingredienti e in abbinamento al piatto. In questo caso il giudizio sarà espresso anche secondo un ulteriore parametro: l’armonia dell’abbinamento con la prima ricetta, nell’ottica di comporre un mini menù completo.

Entro il 26 settembre 2014 la Giuria renderà noti i 10 nomi di coloro che accederanno alla finale.

Novembre, tempo di finalissima

A novembre (la data precisa è in via di definizione) per la prima volta a Milano, i 10 finalisti dovranno preparare e presentare dal vivo, e in maniera consecutiva, il “mini-menu” con le due ricette che li hanno portati in finale. Sarà una Giuria composta dai più grandi chef italiani a decretare il vincitore. Tanta gloria ma anche ricchi premi: il primo classificato potrà scegliere una delle seguenti quattro opzioni, tutte del valore di 10mila euro:

  • Viaggio per due persone a Copenhagen, San Sebastian, Parigi, Licata (AG), Alba (CN)
  • Fornitura di attrezzature professionali Sirman per la cucina
  • Fornitura d’arredo tavola da scegliere tra i marchi distribuiti da Caraiba Luxury
  • Fornitura di prodotti alimentari per l’alta ristorazione

L’Albo d’Oro

2013 – Luigi Salomone, sous-chef del ristorante Marennà di Cerza Grossa Sorbo Serpico (AV), vince la terza edizione del Premio Birra Moretti Grand Cru. Queste le due ricette che gli hanno garantito il gradino più alto del podio: Oro, incenso e…birra e Albicocche al macis, cioccolato al latte, biscotto al caramello, meringa alla birra, polvere d’orzo, gelato alla lavanda… Semplicemente “La Rossa”.

2012 – È Christian Milone, Chef del ristorante Trattoria Zappatori di Pinerolo (TO), il vincitore della seconda edizione del Premio Birra Moretti Grand Cru. Milone sbaraglia i concorrenti proponendo le due ricette: Le Lumache e la Birra e A tutta Birra (rispettivamente ricetta salata e ricetta dolce).

2011 – Giuliano Baldessari, all’epoca Sous Chef del ristorante Le Calandre di Sarmeola di Rubano (PD) – ha successivamente aperto il ristorante Aqua Crua a Barbarano Vicentino (VI) – si aggiudica la prima edizione del Premio proponendo un Carpaccio di manzo al ginepro con salsa ai pinoli all’acqua e riduzione di birra e un Ghiacciolo di Birra Moretti con cremoso di cioccolato bianco, marroni e caffè.

Birra Moretti nasce nel 1859 a Udine nella “Fabbrica di Birra e Ghiaccio” fondata da Luigi Moretti. Apprezzata da subito in tutto il Friuli, diventa in pochi decenni una birra nazionale. Esportata in oltre 40 Paesi nel mondo – fra cui gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, il Canada e il Giappone – Birra Moretti continua a essere universalmente riconosciuta anche in contesti internazionali da esperti del settore provenienti da tutto il mondo. I più recenti riconoscimenti le specialità della famiglia Birra Moretti li hanno conquistati ad agosto 2013 all’International Beer Challenge e a maggio 2013 al Superior Taste Award. Nel 2012 avevano trionfato al World Beer Championships e alla World Beer Cup. Birra Moretti è disponibile sul canale Modern Trade e Ho.re.ca. nelle versioni Birra Moretti, Birra Moretti Baffo d’Oro, Birra Moretti La Rossa, Birra Moretti Doppio Malto, Birra Moretti Zero, Birra Moretti Grand Cru e Birra Moretti Radler.

Redazione Newsfood.com

Related Posts
Leave a reply