Roma – La Regione Lazio è la prima in Italia a rispondere alle indicazioni della direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri dell’agosto 2007 in tema di
superamento dell’emergenza incendi, è stato il direttore della Protezione civile regionale, Maurizio Pucci, a illustrare a sindaci e delegati dei 91 comuni del frusinate, presenti oggi
presso la sede della Prefettura di Frosinone, l’importanza del nuovo catasto degli incendi e del software per la prevenzione e il controllo dei roghi realizzato dalla Regione Lazio.

«Entro il 31 marzo – ha spiegato Pucci – tutti i comuni del Lazio avranno a disposizione un potente strumento informatico in grado di fornire dati sugli incendi boschivi aggiornati alla
fine del 2007, insieme a tutta una serie di dati catastali, geografici e urbanistici che possono essere aggiornati in tempo reale e che permettono ai singoli Comuni di avviare un’efficace
azione di prevenzione per gli incendi che possano verificarsi in futuro sul loro territorio».

Il software permetterà di fornire ai 378 comuni del Lazio informazioni sistematizzate e informatizzate, fino ad ora non disponibili in forma integrata, e altri dati a cui non tutti i
comuni potevano accedere facilmente. Il sistema permette l’integrazione dei dati forniti dal software con il sistema Gps di navigazione satellitare, per la più efficiente individuazione
degli obiettivi e dei luoghi di intervento anche nelle fasi di emergenza e intervento sul campo.

Per ulteriori informazioni www.procico.it