La nuova ondata di rincari nei listini dei carburanti porta oggi il Codacons a rivolgere un appello al vincitore delle elezioni Silvio Berlusconi e al nuovo Governo ai nastri di partenza.

«L’aumento folle dei prezzi dei carburanti avvenuto negli ultimi mesi, determinerà una stangata compresa tra 500 e 600 euro annui a famiglia, considerate le maggiori spese per il
pieno e i risvolti negativi sulle tariffe luce, gas, riscaldamento e sui prezzi nel settore alimentare – afferma il Presidente Codacons, Carlo Rienzi – Per questo ci appelliamo a Berlusconi e
al nuovo Governo, affinchè mettano in campo da subito misure atte a ridurre gli effetti negativi del caro-petrolio, che attualmente pesano come un macigno sulle tasche dei
cittadini».

L’associazione suggerisce 3 provvedimenti prioritari:
– apertura immediata della vendita di carburanti presso la grande distribuzione;
– installazione dei «benzacartelloni» in tutti i quartieri delle città, come incentivo alla concorrenza;
– riduzione della pressione fiscale portando il taglio delle accise a 8 centesimi di euro al litro.