Bergamo – La Giunta Provinciale, su proposta dell’assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca, Luigi Pisoni, ha approvato il programma di ripopolamento della selvaggina sul
territorio provinciale attraverso l’immissione di fauna autoctona.

«Questa operazione – spiega l’assessore Luigi Pisoni – rientra nelle competenze della Provincia in materia di protezione della fauna selvatica, di tutela dell’equilibrio ambientale e
della disciplina dell’attività venatoria».

I piani di immissione, valevoli per il periodo gennaio 2008-gennaio 2009, sono stati presentati e proposti dagli Ambiti Territoriali di Caccia e dai Comprensori Alpini e verranno eseguiti dalle
sezioni comunali e provinciali delle Associazioni Venatorie autorizzate ad effettuare tali operazioni.

«L’obiettivo del programma – prosegue l’assessore Pisoni – è di immettere a scopo di ripopolamento, sul territorio agro-forestale, selvaggina autoctona. Le specie di fauna
selvatica prese in considerazione, sono il Fagiano comune, la Starna, la Pernice rossa e la lepre».

Ogni intervento di ripopolamento di selvaggina deve essere notificato, dai presidente delle Associazioni Venatorie, al Corpo di Polizia Provinciale con un anticipo di almeno 72 ore. La
comunicazione deve indicare la data dell’intervento, la località, la quantità e la specie immessa.