Protocolli di Intesa di “Guadagnare Salute”

  • Gli altri documenti

Il Programma interministeriale “Guadagnare Salute” si concretizza oggi con la firma dei Protocolli d’intesa tra il Ministro della Salute Livia Turco e i rappresentanti di 22
organizzazioni del Sindacato, delle Imprese e dell’Associazionismo, alla presenza del Presidente del Consiglio Romano Prodi.

E’ la prima volta che un governo promuove una strategia di alto valore culturale e di grande impatto economico coinvolgendo in prima persona i protagonisti ognuno con pari dignità
e diritti con l’obiettivo comune di migliorare nel breve periodo le condizioni di vita dei cittadini e nel lungo periodo di ridurre il peso delle malattie croniche sulla società e
sul sistema sanitario.
Sono i piccoli gesti della vita quotidiana che determinano la vita di ognuno di noi, le scelte fatte sin dal mattino quando appena svegli ci prepariamo a nutrire il nostro corpo per affrontare
una giornata di lavoro e di impegno, piccoli gesti che dobbiamo imparare a compiere nella coscienza che nutrirsi è importante, ma nutrirsi bene lo è ancora di più, per noi,
per i nostri figli, per i nostri anziani.
Ed è proprio la necessità di modificare le cattive abitudini quali sedentarietà, fumo, abuso di alcol, che spesso mettono in serio pericolo la nostra vita, che ha fatto
nascere l’esigenza di condividere una nuova cultura in cui la “salute” diviene preoccupazione di tutto il Paese e non solo del Sistema sanitario. Amministratori centrali,
Amministratori locali (Regioni, Province, Comuni), mondo della scuola, del lavoro e dell’industria, professionisti della salute, operatori del volontariato, privato e sociali, sono
chiamati a lavorare insieme, per sviluppare sinergie per i cittadini e per trasformare le buone pratiche in interventi consolidati, mettendo in rete i sistemi, le competenze, le
responsabilità di settori diversi per promuovere la salute dei cittadini.

E’ l’avvio di una “Politica delle alleanze” che già oggi traduce in impegno concreto quanto ognuno dei soggetti firmatari è pronto a fare con specifici
interventi nell’offerta, nell’informazione e nella pubblicità a garanzia della salute dei cittadini., ciascuno per quello che gli spetta, per raggiungere l’obiettivo
comune: la promozione di stili di vita sani.
Grandi le novità che da domani potremo apprezzare a cominciare dai prodotti più richiesti dai nostri bambini.
Non solo merendine promosse da ingannevoli ed accattivanti spot pubblicitari: le aziende produttrici (aderenti ad AIDI) e le aziende produttrici di bevande analcoliche (aderenti ad Assobibe) si
impegnano a rinunciare alla commercializzazione di questi prodotti nei distributori automatici presso le scuole elementari e medi. Al loro posto troveremo frutta fresca pronta e buona da
mangiare.

Un’etichetta chiara e semplice da leggere, è ciò che ci assicurano le associazioni aderenti a Federalimentare, perché sapere che cosa contengono i cibi in
qualità e quantità è fondamentale per una sana e corretta alimentazione. Così come Unipro si impegna a realizzare una campagna informativa capillare e attenta sulle
indicazioni fornite dalla raccomandazione CE sui prodotti solari e sui temi relativi ad una corretta igiene orale e sull’uso consapevole dei prodotti cosmetici.

Non più alcol per i nostri ragazzi è alla base del “Codice etico di autoregolamentazione” sottoscritto da Assobirra e Federvini insieme ai Ministeri
dell’Interno, dei Trasporti e per le Politiche giovanili e sportive.

Così come mangiar bene e sano diventa un impegno di sindacati, produttori e aziende per il controllo e la qualità del cibo nelle mense scolastiche, ospedaliere e aziendali.

Cibi sani a prezzi competitivi sostenendo politiche commerciali orientate a favorire nei consumatori comportamenti salutari attraverso interventi sulle dinamiche dell’offerta e sviluppare
la ricerca tecnologica per ampliare e diffondere alimenti in linea con le esigenze dei consumatori attenti e consapevoli, trova l’accordo delle imprese produttrici e delle associazioni
dei consumatori.

No ai messaggi pubblicitari ingannevoli e distorti, è l’impegno di tutti i soggetti firmatari per una vigilanza attenta alla corretta applicazione dei codici di
autoregolamentazione della pubblicità per migliorare la qualità dell’informazione e garantire una migliore tutela dei consumatori più vulnerabili, in particolare dei
bambini.

Tutti insieme si può concorrere per un educazione alimentare e del gusto che favoriscano una cultura alimentare fondata sui principi del vivere sano, del rispetto dell’ambiente,
della qualità dei prodotti, della consapevolezza dell’indentità culturale.

Tutti insieme si può accettare la sfida per un futuro in ….Buona Salute.

Elenco dei firmatari

Guglielmo Epifani (CGIL)
Raffaele Bonanni (CISL)
Nirvana Nisi (UIL)
Gian Domenico Auricchio (FEDERALIMENTARE) Sergio Marini (COLDIRETTI)
Andrea Vergati (CONFAGRICOLTURA)
Alberto Giombetti (CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)
Giovan Battista Aiuto (COPAGRI Confederazione Produttori Agricoli)
Gaetano Pergamo (CONFESERCENTI)
Dino Abbascià (CONFCOMMERCIO)
Giuliano Poletti (LEGACOOP)
Vincenzo Mannino (CONFCOOPERATIVE)
Roberto Spigarolo (ACU Associazione Consumatori Utenti)
Paolo Landi (ADICONSUM)
Alessandra Romeo (ADOC)
Giuseppe Ursini (CODACONS)
Roberto Spigarolo (CONFCONSUMATORI)
Rosario Trefiletti ( FEDERCONSUMATORI)
Gaetano Arciprete (LEGA CONSUMATORI)
Fabio Franchina (UNIPRO – Associazione Italiana Imprese Cosmetiche)
Silvio Barbero (SLOW FOOD ITALIA)
Luisa Crisgiovanni (ALTROCONSUMO)

www.ministerosalute.it

Related Posts
Leave a reply