PRUGNE DELLA CALIFORNIA: un alleato per uno stile di vita bilanciato

PRUGNE DELLA CALIFORNIA:  un alleato per uno stile di vita bilanciato

Di Mascia Maluta

Naturali, nutrienti e versatili, le prugne della California sono prugne fresche e succose maturate al sole ed essiccate con cura per rimuovere una parte d’acqua. Contengono fibre e carboidrati in quantità simili a quelle fresche, con la convenienza di essere disponibili tutto l’anno. C’è sempre maggiore consapevolezza della correlazione tra alimentazione e buona salute, e le prugne della California rappresentano certamente un alimento salutare e nutriente in una dieta bilanciata. Inoltre si inseriscono perfettamente nell’attuale tendenza verso un’alimentazione sana ma al contempo gustosa: costituiscono una snack a basso contenuto di grassi, ma possono essere anche utilizzate per creare ricette innovative, sia dolci che salate, e come ingredienti funzionali in molti prodotti.
biscotti_prugne_california_1
La Commissione Europea ha confermato ufficialmente, con un’autorizzazione definitiva datata 12 giugno 2013[1], che mangiare prugne secche è benefico per la salute dell’apparato digerente. Le prugne secche sono l’unico frutto intero secco ad aver ottenuto l’approvazione di un claim salutistico (“indicazioni sulla salute”) nell’Unione Europea, a seguito di un processo di applicazione durato sei anni da parte del California Prune Board, il consorzio che racchiude i produttori di Prugne della California.

L’assunzione di fibre in Europa è inferiore alla quantità raccomandata di 25 g al giorno. In Italia, la media è di 18.6 gr di fibre al giorno assunte dalla popolazione adulta. Da questo punto di vista, la decisione dell’EFSA costituisce una notizia positiva per gli operatori sanitari e fornisce la prova scientifica definitiva di ciò che è stato di senso comune da generazioni, ossia che le prugne secche contribuiscono al mantenimento delle normali funzioni intestinali.
La nutrizionista Jennette Higgs ha commentato: “La regolarità intestinale è legata a un adeguato apporto di fibre nella dieta, tuttavia in generale in tutta Europa l’assunzione di fibre è inferiore alle dosi raccomandate. Le fibre provengono da frutta, verdura, insalata, cereali integrali, noci e semi, quindi è importante includere un’ampia varietà di questi alimenti nella dieta quotidiana.”

Le prugne secche hanno naturalmente un alto contenuto di fibra alimentare, e tre prugne secche della California costituiscono una delle cinque porzioni al giorno di frutta e verdura necessarie per una dieta sana ed equilibrata.

Mangiarne 100 gr al giorno (pari a 8-12 prugne) garantisce un effetto benefico per la salute dell’apparato digerente, e fornisce oltre un quarto (7.1 gr) della quantità raccomandata di 25 gr di fibre al giorno, rendendole quindi un’ottima soluzione per aumentare l’apporto di fibre nella dieta.

Una ricerca pubblicata sul British Medical Journal evidenzia che aumentare il consumo di alcuni frutti interi, tra cui le prugne secche, al posto del succo di frutta, può aiutare a ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.
Lo studio sostiene che c’è una differenza significativa nella relazione tra i diversi frutti e il rischio di diabete di tipo 2. E la a ricerca mostra che un maggior consumo di succhi di frutta è associato a un aumento del rischio di diabete di tipo 2, mentre sostituire il succo con la frutta intera è associato a un minor rischio. I ricercatori hanno scoperto che sostituendo tre porzioni alla settimana di succo di frutta con alcuni tipi di frutti interi si riduce il rischio di diabete di tipo 2. Per quanto riguarda le prugne secche, si è osservata una riduzione del rischio pari al 18%
Jennette Higgs, nutrizionista del California Prune Board ha commentato: “Assumere la quantità giornaliera raccomandata di 5 porzioni di frutta e verdura può essere difficile, e molte persone ricorrono al succo di frutta perché rappresenta un’opzione più facile e veloce, senza sapere che non è una valida alternativa al frutto intero in termini di benefici per la salute.
Un bicchiere di succo di frutta può contenere grandi quantità di zucchero, mentre tutte le fibre importanti tendenzialmente vanno perse. Perciò optare per la scelta più facile, il succo di frutta, invece del frutto intero fresco o essiccato potrebbe esporre a maggiori rischi per la salute. Tre prugne della California costituiscono una delle cinque porzioni giornaliere raccomandate di frutta e verdura, e, oltre ad essere molto benefiche per la salute, sono un modo facile e pratico per aumentare l’assunzione di frutta e fibre nella dieta”.

L’evidenza scientifica indica inoltre che le prugne secche potrebbero svolgere un ruolo positivo nella dieta in relazione alla salute delle ossa, sia migliorando la formazione che riducendo la rottura delle ossa.
Le prugne secche contengono molti elementi che hanno il potenziale per contribuire alla salute delle ossa e possono agire sinergicamente in tal senso. Tuttavia, non si sa con precisione quale elemento sia responsabile dell’effetto positivo delle prugne sulla salute delle ossa. Il frutto secco, con gli svariati nutrienti e composti bioattivi, può essere responsabile per i promettenti risultati osservati su cavie animali sia maschili che femminili, e in studi clinici di piccola scala. Per contribuire a neutralizzare gli acidi creati per la digestione e il metabolismo, le cellule traggono minerali dall’osso, e ciò può abbassare la densità ossea. I ricercatori pensano che il potassio e il magnesio, presenti in alcuni frutti e verdure, neutralizzino questo acido e scoraggino o rallentino la perdita ossea.

In conclusione, le prugne secche contengono sostanze nutritive che sostengono il mantenimento delle ossa:

§  Le prugne sono una elevata fonte di vitamina K, che sostiene il mantenimento di ossa normali e aiuta la normale coagulazione del sangue;

§  Le prugne sono una fonte di manganese, che sostiene il mantenimento di ossa normali e svolge un ruolo nella protezione delle cellule del corpo dal danno ossidativo;

§  Le prugne secche sono una elevata fonte di potassio, che aiuta il normale funzionamento dei muscoli;

§  Le prugne secche sono una fonte di vitamina B6, che aiuta a rendere le cellule del sangue sane e mantenere normali livelli ormonali;

§  Le prugne secche sono una fonte di rame, che aiuta a sostenere il normale trasporto del ferro nel corpo e svolge un ruolo nel proteggere le cellule dal danno ossidativo

Per ulteriori informazioni:
www.californiaprunes.co.uk
https://www.facebook.com/PrugneDellaCalifornia

Leggi Anche
Scrivi un commento