Qoco: Eataly onora l’extravergine della città di Andria

Qoco: Eataly onora l’extravergine della città di Andria

Una coppia, riunita per festeggiare l’olio extravergine della città di Andria. Da un lato il Comune pugliese, dall’altro Eataly, il cui centro congressi è stato teatro della
presentazione di “Qoco Capitale- Un filo d’olio nel piatto”.

Obiettivo, onorare la Puglia, definita da Oscar Farinetti “Una una roccaforte nel campo delle eccellenze gastronomiche del nostro Paese ed in questa roccaforte Andria ricopre un ruolo di grande
peso, grazie ad un olio extravergine di oliva di grande carattere e personalità”. E proprio tale alimento sta attirando sul territorio addetti ai lavori e consumatori, in primis, dai
Paesi in via di sviluppo.

Per capitalizzare al massimo, le autorità locali si sono rivolti ad Eataly. Come spiega Nicola Giorgino, il sindaco di Andria: “La collaborazione risponde all’esigenza vitale per le
aziende di portare i nostri prodotti tipici e di qualitaà all’attenzione del gusto italiano e internazionale, coinvolgendo mercati sempre più vasti e consumatori sempre più
esigenti. Senza dimenticare che oltre alle prelibatezze gastronomiche il territorio andriese può contare su un grande attrattore come Castel del Monte, patrimonio dell’Unesco, che anche
quest’estate ha confermato di essere il luogo piu’ visitato dai turisti in Puglia”.

Allora segno rosso sul calendario sia il 30 novembre, con i Piatti pugliesi d’autore, e l’1-2 dicembre, con degustazioni di piatti in tema. Se tali eventi saranno ospitati da Eataly, Andria
sarà luogo Qoco in Piazza: nella storica Piazza Catuma domenica 9 dicembre sarà tempo di degustazione, molitura delle olive nel frantoio, musica e frantoio.

Riassume così Benedetto Miscioscia, assessore al marketing territoriale: “Questa edizione è ispirata allo slogan ‘fruttato, amaro, piccante, stuzzica il palato, buono per la
salute’, ed ha in ‘sapore e salute’ i pilastri scelti per esaltare le virtù dell’olio di coratina”.

PER ULTERIORI INFORMAZIONI:

PROGRAMMA di Qoco (File PDF)

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento