Quote latte: Nuove incongruenze per i pagamenti delle multe

Quote latte: Nuove incongruenze per i pagamenti delle multe

Se l’emendamento alla manovra sulle quote latte “dovesse essere adottato la Commissione sarebbe costretta ad avviare la procedura appropriata ai sensi del Trattato”, scatterebbe cioé la
procedura d’infrazione.    

Lo scrive il commissario europeo all’Agricoltura Dacian Ciolos in una lettera al ministro delle politiche agricole Giancarlo Galan, aggiungendo di appoggiare “pienamente la netta posizione”
espressa da Galan in materia.   

In commissione al Senato è passato per un voto un emendamento che prevede lo slittamento a fine anno (dal 30 giugno) della restituzione delle multe da parte degli agricoltori, sulle quote
latte.

“Non c’é alcun dubbio che la sospensione dei pagamenti, prevista nell’emendamento, sarebbe non solo in netto contrasto con il diritto Ue ma anche con i ripetuti impegni, assunti a livello
politico dal Governo italiano, di imporre una rigorosa ed efficiente applicazione del regime delle quote latte in Italia” afferma il commissario Ue riferendosi all’emendamento a firma del
senatore Antonio Azzollini e contro il quale si è pronunciato lo stesso Galan in Cdm, come sottolinea lo stesso Ciolos: “Prendo nota del fatto che il suo Ministero ha espresso netta
contrarietà a tale emendamento”.     

Inoltre, “sospendere i pagamenti sarebbe non solo in contrasto” con la Decisione unanimemente adottata dal Consiglio nel 2003, “ma priverebbe – sottolinea ancora Ciolos – anche gli agricoltori
italiani interessati dei vantaggi finanziari di quel piano che consiste nel pagare i prelievi senza interessi su 14 anni invece di pagare l’intero debito in una unica soluzione”.
  

“Mi è d’obbligo sottolineare che il diritto Ue impone all’Italia di assicurare l’effettiva riscossione dei prelievi sulle eccedenze dovuti dai produttori di latte”. Perciò, se
sospendesse l’applicazione del piano di rateizzazione del 2009, introdotto con legge, “l’Italia sarebbe ancora più distante – prosegue Bruxelles – dall’adempimento dei suoi obblighi di
riscossione ai sensi del diritto Ue. Questo aggraverebbe le preoccupazioni cui la Commissione ha recentemente dato voce nel suo rapporto al Consiglio del 26 Marzo 2010 a riguardo della estrema
lentezza con la quale l’Italia opera l’esazione dei prelievi sulle eccedenze che non sono oggetto del piano di rateizzazione del 2003”.   

Nella missiva Ciolos ricorda tra l’altro al ministro delle Politiche agricole che la strada della richiesta dilazionatoria é già stata battuta dall’Italia, ma senza successo: “Il
suo predecessore ha già effettuato una richiesta di dilazione del pagamento della sesta rata prevista dal piano di rateizzazione del 2003”, richiesta però rigettata a suo tempo
dalla Commissaria Fischer Boel in ragione del fatto che l’accordo prevedeva chiaramente il  rimborso mediante rate annuali di uguale importo.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Related Posts
Leave a reply