Ristorante Al Postiglione

È una tipica architettura rurale con due sale arredate con buon gusto in una delle quali un grande fogolar, nel periodo invernale, riscalda l’ambiente (ma anche l’altra sala è scaldata a legna). La regia è della brava Nicoletta Storari, che vi accompagnerà alla scoperta dei piatti stagionali preparati da Giuliano De Cagna, maestro ai fornelli. L’antipasto del Postiglione è un piatto di salumi rustici, cui possono affiancarsi il manzo marinato, il filetto di maiale al sale, buoni formaggi locali e, nel periodo primaverile, frittate con le erbe spontanee che crescono abbondanti nei dintorni. Tra i primi spiccano i ravioli di ricotta e basilico, la vellutata di zucchine e pomodoro crudo, la pasta di farro gratinata; in inverno, la zuppa di porri e zucca. Ma il locale è rinomato soprattutto per i secondi, principalmente di carne: toro ai ferri, tagliata di scamone, costata di manzo e, in inverno, gulasch di cervo. Ai dolci provvede Nicoletta, sfornando torte con frutta di stagione, strudel di ricotta e mirtilli, torte di pasta frolla ripiene di ricotta e cacao. I vini sono della casa e sono discreti, ma si sente la mancanza di una lista più importante in considerazione dell’ubicazione della trattoria e del livello della cucina. I titolari gestiscono anche un agriturismo dove è possibile pernottare in tre appartamenti.

Leggi Anche
Scrivi un commento