Trieste, 29 mag – Il 2006 in Romania ha mostrato il buon stato dell’agricoltura ecologica, la cui estensione è aumentata di 32.600 ettari rispetto al 2005, arrivando ad una
superficie totale di 140.000 ettari. Ne dà notizia Nine o’Clock, riportando i dati pubblicati dal Jurnalul National.

Il rovescio della medaglia è costituito dal vistoso calo delle aree destinate al grano, passate dai 22.100 ettari del 2005 ai 16.310 del 2006, nonostante le stime parlino di circa 34.000
ettari in procinto di essere coltivati a grano ed orzo ecologici. La superficie coltivata a frutteti è scesa a 29 ettari. Sale invece il numero di pecore e capre. In termini di
produzione vegetale, l’area destinata alla coltivazione di piante medicinali è cresciuta dai 17.630 ettari del 2005 ai 38.700 del 2006.

Gran parte di tali prodotti è destinata al mercato interno; solo il 30 p.c. della produzione vegetale è stato esportato. La crescita è dovuta in gran parte alla promozione
dei prodotti ecologici sostenuta anche dai grandi negozi, dall’emergere dei punti vendita specializzati e dalla crescita del potere d’acquisto.

www.regione.fvg.it