L’autunno dell’Istria, momento di sagre e di prodotti tipici. Specialmente quando si parla delle quattro perle dell’Adriatico, Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie. Il loro territorio diventa così sede di appuntamenti culinari della tradizione, ottimi motivi per conoscere una cultura e la sua terra d’origine.

Si inizia il 7 settembre, con Sardelafest. Cittanova diventa la patria delle sardine e del pesce azzurro, accompagnati da sgombri, tonne ed acciughe. La manifestazione, inserita nella Gnam-Gnam Fest, sarà animata da maestri chef, che avranno il compito di trasformare gli alimenti in piatti tipici, dove il pesce andrà assieme ad altri prodotti della zona. Dai salumi alle paste, dall’olio d’oliva ai formaggi ai salumi: tutti fatti in casa e pronti ad arricchire il piatto del turista. Per tutta la durata di Sardelafest, i ristoranti di Cittanova offriranno menu speciali a base di pesce azzurro, le antiche ricette incontrano l’inventiva dei cuochi.

Sarà poi tempo della festa dell’uva di Buie (7-9 settembre). La città onora gli antichi costumi, quando la raccolta dell’uva era un momento di ringraziamento per la generosità della terra.

Per questo, il weekend vedrà la partenza del grande corteo allegorico, che passerò per le vie del borgo, ricordando i lavori dei campi e la vendemmia. Sarà anche il momento per far rivivere la Corte di Bacco, con i membri intenti a produrre Mistela, vino locale realizzato secondo una ricetta esclusiva. Ma la festa dell’uva sarà anche giochi, degustazioni, gare, musica e premi.

Verteglio ospita le Giornate dei funghi (sabato 27 e domenica 28 ottobre 2018).

Sarà allora il tempo del fungo, un momento di festa totalmente dedicato alla natura, alle passeggiate nel bosco ed all’ambiente. Secondo il programma, sabato sarà dedicato alla gara di raccolta funghi ed alla ricerca del fungo più grande. Invece, la domenica sarà dedicata alla preparati del calderone di funghi per la degustazione comune. Per tutto il week-end sarà possibile acquistare prodotti locali, tra cui olio extravergine di oliva, vino, miele e castagne.

L’offerta continua con L’Istria nel piatto, il 28 ottobre a Cittanova. Una giornata di gastronomia locale, in omaggio alle due anime delle cucina istriana: quella costiera, legata al mare ed ai suoi prodotti, e quella legata all’entroterra. Il menu della festa prevede così piatti a base di bue boškarin e di prosciutto istriano, ma anche pesce e frutti di mare, il tutto unito a vini ed oli locali.

Cornice dell’evento, il Parco del Vescovato cittanovese, nel cuore del centro storico della città, ai piedi del campanile e dei pini centenari e a due passi dal mare.

Parte della Gnam-Gnam Fest, L’Istria nel piatto interesserà anche locali e ristoranti, che offriranno piatti speciali a base di prodotti tipici locali per tutta la durata della manifestazione.

Infine, la Festa di San Martino a Momiano (venerdì 9-domenica 11 novembre 2018). Nell’antico mondo agricolo, la festa di San Martino era la fine della stagione agricola. Oggi è tempo di gustare le tipiche leccornie autunnali. Durante la Martinje, la festa di San Martino, di Momiano, le cantine vinicole locali si aprono ai visitatori, facendo onore alla fama della cittadina. Da tempo, Momiano è infatti nota ad esperti ed amatori di vino per le sue varietà di Moscato dolce, risultato dell’unione tra terreno e clima.

La Festa sarà allora occasione per la Vetrina del Moscato, una gara con la partecipazione di vini (moscati, ovviamente) da tutta l’Istria, ma anche dalla Slovenia e dall’Italia. Per i migliori, medaglie e titoli di Moscattieri, prova dei risultati e dei livelli eccellenti raggiunti nell’arte straordinaria della produzione del moscato.

7 settembre 2018: Sardelafest; 7-9 settembre 2018: Festa dell’uva; 27-28 ottobre 2018: Giornate dei funghi; 28 ottobre 2018: L’Istria nel piatto; 9-11 novembre 2018: Festa di San Martino.

PER ULTERIORI INFORMAZIONI:

Comprensorio turistico di Umago, Cittanova, Verteneglio, Buie

Su Twitter: #coloursofistria #umago #cittanova #verteneglio #buie