Con la nuova campagna di informazione al pubblico della FSA (Agenzia di Sicurezza Alimentare britannica) i consumatori potranno vedere i risultati dell’ultimo controllo di igiene alimentare,
condotto dalle autorità di sanità pubblica locali, appesi sulle porte e sulle finestre dei ristoranti e di tutti gli esercizi di somministrazione di alimenti nella loro zona.
Infatti, a ciascun esercizio sarà richiesto di esporre un certificato che indichi, ad esempio, se hanno passato il controllo di igiene o se è richiesto un miglioramento. In
particolare, sarà esposto il voto “pass” per indicare che l’esercizio ha assolto ai requisiti normativi in riferimento alle condizioni igieniche trovate e alle procedure messe in atto
per garantire la sicurezza alimentare. Ci sarà anche un campo riguardante i miglioramenti, in cui verranno indicati i requisiti normativi non assolti dall’esercizio e come verranno messi
in pratica i miglioramenti. Tutte le informazioni esposte nei locali verranno anche riportate sui siti delle rispettive autorità di sanità pubblica locali.

“Scores on the Doors”, questo è il nome del nuovo schema di informazione al pubblico, ideato dalla FSA in collaborazione con le autorità di sanità pubblica locali e con il
coinvolgimento delle organizzazioni dei consumatori e dell’industria. Una serie di programmi pilota verranno messi in atto in tutto il Regno Unito per cercare di applicare al meglio questa
campagna informativa. Questo progetto avrà lo scopo di permettere ai consumatori delle scelte più informate sul ristorante in cui mangiare e, più in generale, di ridurre
l’incidenza delle tossinfezioni alimentari del 20% entro il 2010.

Alcune delle autorità del Regno Unito hanno già lanciato i loro programmi. Quello scozzese, in particolare, è stato reso disponibile già dal novembre 2006, mentre
l’Inghilterra comincia da giugno 2007, come l’Irlanda del Nord. Uno schema di questo tipo, negli Stati Uniti ha riportato un miglioramento nelle conformità alla normativa in campo di
igiene alimentare e nella tutela del consumatore, con un 20% di riduzione dei casi di malattie portate dagli alimenti negli ospedali.

** Quando si parla di informazione ai consumatori in campo di sicurezza alimentare, nel contesto europeo, la FSA è particolarmente attiva. Per il settore della ristorazione britannico
questi programmi saranno sicuramente una sfida importante, per i consumatori saranno un’opportunità per valutare in modo più critico l’igiene nel settore alimentare. Un simile
programma non sembra probabile in Italia.

www.sicurezzadeglialimenti.it