Scuola: i pregiudizi degli insegnanti sono una realtà scientifica

Scuola: i pregiudizi degli insegnanti sono una realtà scientifica

Spesso quando un alunno va male e si giustifica ritenendosi un perseguitato dagli insegnanti, è solo uno studente poco diligente che non accetta le sue responsabilità.

A volte però può succedere il contrario: specie nella scuola materna od elementare, le simpatie a priori dei professori contano più dei comportamenti oggettivi del ragazzo
nel determinare il voto di condotta.

Questo è il messaggio di uno studio della Manchester Metropolitan University, pubblicata e finanziata da ” Economic & Social Research Council”.

I ricercatori britannici hanno lavorato con alcuni studenti di 4-5 anni, facendo particolare attenzione al loro comportamento ed ai criteri di valutazione del corpo docenti.

Si è così scoperto come sono cruciali le prime 4 settimane di scuola: in quel periodo, il professore si formerà un giudizio che difficilmente cambierà, anche di
fronte a prove evidenti. Inoltre, tale giudizio dogmatico si trasmetterà anche ai suoi colleghi.

Per gli scienziati, inoltre, fondamentale è anche il ruolo della famiglia.
Nel caso il piccolo alunno mostri di avere genitori assenti o disinteressati ai suoi risultati scolastici, si ritroverà sotto la lente d’ingrandimento. In questo modo, ogni suo gesto
verrà “drammatizzato” ed inserito in un quadro più ampio (e negativo).

Matteo Clerici

Leggi Anche
Commento ( 1 )
  1. pat
    24 Maggio 2017 at 2:43 pm

    Mio figlio viene continuamente ripreso non ha carattere calmo é vero non sa stare seduto tante ore….forse ora sarà anche stanco..siamo alla fine della scuola…ma quando si impegna a stare più tranquillo…non serve a niente…lui mi dice che come fa qualcosa tipo..si gira dietro a parlare..viene ripreso von aggressività dagli insegnanti..ha 14 anni

Scrivi un commento