Internet ha stravolto le regole della comunicazione. Nessuna azienda oggi può permettersi di ignorare la comunicazione attraverso questo nuovo Media. Per dominare nel web però serve una guida: l’online marketing è fatto di creatività ma anche di regole tecniche, applicabili con successo anche al settore del food.

Per soddisfare le aziende clienti, anche quelle più sofisticate ed esigenti online, soprattutto nel mondo del food. Pensiamo infatti al web come a una cena per ospiti di riguardo: bisogna preparare il Menu, cucinare  i piatti  nel giusto modo e servirli abbinando i vini adatti.

Per ottenere un ottimo risultato non basta avere del buon materiale di base: un e-commerce che rivenda prodotti alimentari d’eccellenza, ad esempio, non può pensare di avere il successo assicurato dal fatto che le proprie referenze sono di qualità. Se nessuno conosce i plus dell’acquisto su quel portale, nessuno sarà portato a fare conversioni. Come guidare l’utente verso il proprio sito, farlo diventare acquirente e fidelizzarlo?

È qui che entrano in campo tutti i canali di una strategia digital vincente: dai Social Network, al SEO, dalle PR online al SEM, oggi diventano una necessità per e-shop, aziende, influencer e blogger del panorama food, al fine di garantire una maggiore visibilità.
Ma soprattutto è qui che entrano in campo le agenzie digital, per supportare le aziende che ogni giorno devono reinventarsi le modalità di contatto con i clienti finali attraverso un vero approccio di food-marketing.

La priorità per le aziende è sviluppare una brand Identity forte se sono start-ups oppure svilupparsi in ottica digitale se sono big. Spesso, infatti, anche i più grandi player di mercato, nonostante la notorietà della marca, faticano a comunicare online, continuando a preferire investimenti in comunicazione e media più tradizionale. È importante comprendere l’evoluzione del sistema comunicativo, per evitare di farsi cogliere impreparati e perdere clienti. Questo è evidente se si pensa da utenti: quante volte, cercando su Facebook il nome di un prodotto alimentare tanto amato, si resta delusi nel constatarne l’assenza dal canale social più usato d’Italia?
“Il primo passo verso il successo è attivare una buona attività di SEO, che consenta di migliorare il posizionamento delle parole chiave e il traffico organico al sito web – commenta Niklas Lindahl, CEO di Optimized Group – inoltre, è fondamentale supportare l’attività tecnica con una comunicazione customer-oriented, attraverso le Digital PR e i Social Media, che permettono di avvicinarsi al proprio target senza mediazioni”.

 

La cosa più difficile in assoluto per un’azienda, che voglia affrontare seriamente il mondo della comunicazione attraverso il web, è la scelta del fornitore di servizi, (meglio dire però “partner d’impresa” ).
E’ come scegliere un buon vino: se non è della nostra cantina e fatto con le nostre uve, meglio scegliere vini selezionati e garantiti come i DOCG (La denominazione di origine controllata e garantita, nota con la sigla DOCG  indica al consumatore l’origine geografica di  vini prodotti in determinate zone geografiche nel rispetto di uno specifico disciplinare di produzione).

Non possiamo affermare che Optimizer Group sia il miglior “vino” ma possiamo vedere quali sono le certificazioni ufficiali che ne garantiscono la professionalità.
(Dal sito ufficiale www.optimizedgroup.it):
Siamo partner ufficiali delle maggiori associazioni di SEO e PPC come Google e Bing e siamo orgogliosi di mostrarvi le nostre certificazioni.
google-partner-milano

Google-Adwords-partner-milano
google-analytics-partner-milano
Bing-Ads-milano
iab-partner-milano
iab-partner-italia
Redazione Newsfood.com