Sequestrati 200 mila orologi in una maxi operazione a Roma

Oltre duecentomila orologi con falso marchio «Rolex», «Panerai», «Bulgari», «Cartier», «Breitling», «Patek Philippe»,
«Ferrari», «Iwc», «Constantin Vacheron», «Gucci», «Audemars Piguet», «Eberhard», «Dolce & Gabbana» e
trentamila penne «Montblanc» taroccate, per un valore complessivo pari a quattro milioni di euro sono stati sequestrati dalla guardia di finanza dello scalo romano.

Le indagini, durate circa sei mesi, hanno permesso di stabilire che il traffico di materiale contraffatto, proveniente dalla Cina, era gestito da commercianti di nazionalità cinese,
titolari di società operanti nel quartiere Esquilino che, attraverso una capillare rete di esercizi commerciali, provvedevano alla loro distribuzione sull’intero territorio nazionale.

Proprio seguendo i movimenti della merce dall’aeroporto verso le aziende destinatarie, è stato possibile individuare un deposito clandestino nella periferia sud di Roma, all’interno del
quale è stato trovato il materiale illegale. Nelle abitazioni degli indagati, nel quartiere Prenestino, è stato sequestrato altro materiale e scoperto, perfino, un laboratorio
artigianale per l’assemblaggio e la riparazione degli orologi. I responsabili, cinque cittadini cinesi, sono stati denunciati all’autorità giudiziaria, per importazione e
commercializzazione di materiale contraffatto e ricettazione.

Related Posts
Leave a reply