Milano – Sarà inaugurata venerdì 29 febbraio «Sguardi Altrove Film Festival», la rassegna dedicata alla cinematografia e alle espressioni artistiche
femminili, giunta alla 15° edizione.

«I linguaggi del dialogo interculturale. Il corpo tra sensi e spiritualità, forza e paura» è il tema dell’edizione 2008 che coincide con l’Anno Europeo del Dialogo
Interculturale e che propone una riflessione su linguaggi e culture differenti, sui pregiudizi e sulle barriere culturali e sociali, mantenendo immutate le linee di fondo che accompagnano il
Festival sin dalla prima edizione del 1993.
«L’esperienza di Sguardi Altrove – ha detto l’assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Lombardia, Massimo Zanello – tende ad armonizzarsi nell’ambito di un contesto in
continuo fermento, vivace e culturalmente stimolante. Esiste, infatti, in Lombardia, e soprattutto a Milano, una realtà in forte crescita, dotata di idee e progetti all’avanguardia. Una
realtà capace di rinnovarsi per coinvolgere sempre più operatori del settore, appassionati ed estimatori. Una sfida nuova e affascinante sulla quale l’assessorato alle Culture sta
investendo significative risorse e altrettanto impegno, anche grazie a una nuova legge sullo spettacolo che darà nuova linfa al cinema lombardo. Così, la cultura cinematografica
trova spazio per crescere, configurandosi come significativo settore produttivo al traino dell’economia, anche grazie alle connessioni con il turismo, le politiche sociali, il marketing e la
formazione».

Ottanta tra lungometraggi, corti e documentari, mostre, performance, incontri e workshop si succederanno nell’arco dei dieci giorni del festival e proporranno una ricognizione a 360°
nell’espressività artistica femminile.
Nella giornata inaugurale di venerdì 29 febbraio è in programma la proiezione della copia restaurata di «Il vedovo» di Dino Risi, interpretato da Franca Valeri. Tra i
numerosi eventi in programma: l’omaggio ad Anna Magnani nel centenario della nascita (7 marzo) con la proiezione della copia restaurata di «Bellissima» di Luchino Visconti e il
premio ‘Le forme del cinema’ a Cristina Comencini (7 marzo).
Sullo sfondo della rassegna cinematografica sarà proposto un ventaglio di eventi paralleli: mostre, installazioni, incontri e dibattiti. L’offerta culturale consente di trattare il tema
proposto in maniera approfondita e accurata.

«Tra i vari spunti di riflessione – osserva Zanello – mi ha particolarmente colpito il confronto intessuto con l’universo maschile, che consente di evidenziare elementi comuni e
distintivi fra due mondi differenti, ma allo stesso tempo simili. Affidando Sguardi Altrove al successo che merita, vorrei complimentarmi con tutti coloro che hanno contribuito alla sua
realizzazione. Questa rassegna rappresenta per Milano e la Lombardia un evento culturale prestigioso e significativo».

La rassegna si chiuderà domenica 9 marzo.