Vercelli, 23 Novembre 2007 – Dodici gli enti locali del Piemonte che si possono fregiare del titolo di «virtuosi» in materia di sicurezza stradale, tra questi spicca la
Provincia di Vercelli, è il dato emerso nel corso della riunione della Consulta regionale per la Sicurezza stradale sulle adesione ai diversi programmi di sicurezza nazionali e
regionali.

Lo stesso assessore regionale ai trasporti Daniele Borioli ha avuto parole d’elogio per la Provincia di Vercelli, definendola «un’area dinamica e intraprendente«. Borioli ha tra
l’altro aggiunto che «per avviare e proseguire programmi che hanno bisogno di tempi lunghi, la cosa più importante è la certezza della continuità di risorse da parte
dello Stato perché quella della sicurezza stradale è una materia che si gioca soprattutto su formazione e prevenzione».

Di fatto la Provincia di Vercelli, e nello specifico l’Assessorato ai Lavori Pubblici, è stata elogiata dalla Regione per aver messo in atto programmi e realizzato progetti che hanno
incrementato lo standard di sicurezza delle strade. L’Ente è decisamente avanti rispetto ad altre province. Partecipa alle iniziative regionali, ottiene risultati e di conseguenza
avrà accesso più facilmente a fondi finalizzati alla sicurezza.
Proprio a questo proposito entro la fine di novembre verrà attivato un ufficio di sicurezza stradale. Il responsabile della struttura sarà chiamato a prendere parte a un corso di
addestramento a Torino. Dove sarà allestito un vero e proprio centro di formazione dedicato a tecnici e responsabili istituito dalla Regione Piemonte.

In poche parole: più sicurezza, maggiori finanziamenti. L’Assessore ai Lavori Pubblici Francesco Zanotti commenta soddisfatto: «E’ il riconoscimento di quanto vado affermando da
tempo. Ovvero che lo sviluppo della rete stradale della nostra Provincia ha rappresentato e rappresenterà il punto di forza dell’impegno amministrativo. I nostri sforzi sono tesi sia
alla gestione e al mantenimento del patrimonio viario, così come alla realizzazione di nuove e fondamentali opere infrastrutturali. Lavori che ovviamente vanno ad innalzare sensibilmente
gli indici di sicurezza che sono un’indispensabile necessità e una componente essenziale per il miglioramento della qualità della vita».