Pranzo e cena non saranno più gli stessi. Anche per chi non ha mai il tempo di fare la spesa.
Lo confermano i dati di una ricerca condotta da www.esperya.com, la bottega gastronomica on line, che ha confrontato i dati ufficiali (Fonte ISTAT, EURISKO, CENSIS) con quelli del proprio data
base in merito alle abitudini dei consumatori nella spesa on-line.

Gli italiani, infatti, prediligono sempre di più i prodotti ricercati e naturali e chi non ha il tempo di cercarli si affida ad internet.

Nel 2006, infatti, il mercato dell’e-commerce in Italia è aumentato del 45% rispetto all’anno precedente (fonte: Istat). Si tratta di un giro d’affari complessivo di
quattro miliardi di euro, di cui il settore alimentare rappresenta l’uno per cento del totale (ben 40 milioni di euro).

Secondo la ricerca, il 58% degli italiani che acquistano on-line vuole prodotti genuini, naturali e ricercati, nonostante il loro prezzo sia più elevato rispetto ai soliti prodotti
alimentari.

I consumatori alla ricerca della qualità, quindi, sono disposti a spendere fino al 15% in più, purché si tratti di alimenti sani, garantiti e controllati.

“Ormai per moltissime persone il cibo non è solo la risposta ad un bisogno primario, alla necessità di alimentarsi – spiega Gennaro Petretti, Direttore Generale di
Esperya – ma rappresenta un momento di piacere e gratificazione personale, spesso da condividere con gli amici. Noi lo chiamiamo food entertainment. E’ chiaro che si ricercano
prodotti non banali, che abbiano una storia e la garanzia di altissima qualità e gusto. E il consumatore consapevole comprende che i prezzi di questi prodotti siano leggermente
più alti rispetto a quelli di largo consumo”.

La Top Five dei prodotti più richiesti vede al primo posto il Capretto (per il 28% del campione), seguono i ravioli con ripieno di Caprino (per il 18%). Sempre in alto gli amanti del
Cioccolato di Modica (il 16% degli intervistati), mentre il 14% predilige la Porchetta di Ariccia. Discreta (10%) la richiesta di Colatura di Alici.

Tra i prodotti più ricercati il Capretto del Parco d’Abruzzo, allevato esclusivamente con latte materno e non, come negli allevamenti intensivi, con latte rigenerato; il cioccolato
aromatizzato che sembra aver surclassato il classico “Uovo di Pasqua” nelle preferenze dei consumatori; la colatura di alici, la cremosa salsa di pesce utilizzata per condire i
piatti di magro dei poveri; la mozzarella di bufala campana DOP, una mozzarella che viene lavorata, assolutamente a mano, entro due ore dalla mungitura del latte per conservare al massimo
inalterate le capacità proteiche e vitaminiche della materia prima.

Sono le donne (per il 73%) a preferire prodotti ricercati. Attente ad ogni piccolo particolare, sono disposte a spendere anche il 20% in più per un prodotto sano, genuino e
naturale.
Gli uomini (per il 27%) ricorrono a siti come Esperya.com per regalare alla compagna un pranzo a domicilio elegante e raffinato, ma sono meno attenti alla qualità.

Sono le persone tra i 30 e i 45 anni (per il 46%) i più attivi nell’acquisto on line di questo genere di prodotti. Seguono gli Over 45 con il 38%. I giovani sotto i 30 anni (16%),
invece, sono tra i maggiori fruitori dei servizi on-line, ma i meno attenti alle caratteristiche del prodotto.

www.lastampa.it