Storo 2016: Polente in gara, chi vincerà? Programma aggiornato

Storo 2016: Polente in gara, chi vincerà?  Programma aggiornato

Vedi rassegna stampa sempre aggiornata su Storo: Video e articoli – (Clicca qui)

 

Da: “TURISMO | Festival della Polenta – Storo”
Oggetto: A Storo sfida ad otto con polenta di Ledro più grande del Mondo, domenica i Polenter del Chiese sono pronti a sfidarsi a colpi di trisa
Data: 5 ottobre 2016 17:31:25 CEST

A STORO SFIDA AD OTTO, CON POLENTA DI LEDRO PIÙ GRANDE DEL MONDO
DOMENICA I POLENTER DEL CHIESE SONO PRONTI A SFIDARSI A COLPI DI TRISA

STORO (VALLE DEL CHIESE – TRENTINO), 4 OTTOBRE 2016 – Saranno gli scultori Mario Brugnoni di Storo, Giovanni Leonardi di Praso e Antonella Grazzi di Praso a dare inizio domani secondo Festival della Polenta in valle del Chiese, nel Trentino Occidentale. Da domani a domenica lavoreranno in piazza Europa, nel centro di Storo, per ricavare due stature e un bassorilievo da tronchi di cirmolo alti due metri. Sino a domenica sarà così possibile seguire passo per passo la realizzazione delle loro sculture. Sempre Brugnoni assieme a Giovanni Moneghini è all’opera per realizzare il Trofeo perenne del Festival della Polenta che domenica verrà assegnato dalla giuria, composta da giornalisti gastronomi, esperti e amministratori.

Il Festival della Polenta 2016 coinvolgerà gli esperti polenter di otto paesi della Valle del Chiese e della Valle di Ledro:

Cimego all’opera in via Armando Diaz con la polenta Macafana, Storo in piazza Lucillo Grassi (Carbonera), Praso in piazza Europa (Patate), Condino in piazza Francesco Cortella (Carbonera), Strada in piazza Unità d’Italia (Patate), Brione in piazza Malfer (Carbonera) e Bondo nella piazza New Store (Concia) . Vi è poi la novità dei Polenter della Valle di Ledro: in piazza Francesco proporranno la loro classica polenta di Patate che si può fregiare del titolo della polenta più grande del Mondo e ha la caratteristica di venir cucinata con formaggio di monte e burro.
Fuori gara vi sono poi altre due polente: quella con la farina gialla di Storo Agri 90 e il formaggio Gorgonzola cucinata dal Circolo pensionati del Voi in piazza Malfer e la Concepì (farina gialla di Storo più panna e salame) preparata dal Gruppo Missionario in piazza dell’Unità d’Italia. Manca invece la nuovissima Polenta delle Strie che verrà proposta da Graziano Tamburini a dicembre durante il Mercatino di Natale a Cimego.

Nella prima edizione la giuria tecnica decretò la vittoria della polenta Macafana di Cimego davanti a Brione (Carbonera) e a Praso (Patate). Il voto popolare premiò la polenta cucinata dai Polenter di Storo (Carbonera) con uno scarto di pochi voti su Cimego (Macafana) e Condino (Carbonera). Nell’intento di valorizzare le differenze culinarie gli organizzatori della Pro Loco di Storo M2 hanno istituito quest’anno anche un ulteriore riconoscimento riservato alla migliore tra le tre polente di patate in gara.

Come detto il pubblico è chiamato a dare il proprio voto ad una delle quattro differenti specialità gastronomiche in lizza per la conquista del titolo di Polenta Regina della valle del Chiese 2016: Macafana (Burro, Spressa e Cicoria selvatica), Carbonera (cucinata tradizionalmente con Salame e Burro), di patate (con Cipolla e Formaggio) e Cucia (Burro e Formaggio di monte fuso). Lo potrà fare con l’acquisto di una tesserina del costo di 13 euro (un euro sarà devoluto alle popolazioni colpite dal terremoto) che dà diritto agli assaggi delle polente e alle bevande.

Prevista anche la vendita di prodotti a KmZero e momenti di aggregazione per i più piccoli, con laboratori e animazioni. E tra le manifestazioni di contorno anche il secondo Concorso degli spaventapasseri  riservato ai cittadini e alle associazioni della Valle Giudicarie e della Valle di Ledro.

Anteprima del Festival della Polenta 2016 sarà il convegno “L’Oro di Storo, recupero della Storia. Un’esperienza nazionale” in calendario sabato 8 alle ore 18.00 ad Agri90.

La sfida tra le polente non è in assoluto una novità né in campo nazionale né internazionale ma certamente rappresenta una occasione unica per mettere in vetrina questa valle, posta tra il lago d’Idro e le Dolomiti di Brenta, dove sono ben sei – oltre a quella tradizionale gialla – le polente che fanno parte del patrimonio alimentare recuperato negli ultimi 25 anni, tanto da dare vita a una produzione di farina gialla di altissima qualità.. Ed è stata la Pro Loco di Storo M2 a raccogliere la sfida organizzativa affiancata dall’amministrazione Comunale, da Agri90 e dal Consorzio Turistico valle del Chiese. E proprio l’abbinamento tra l’eccellenza produttiva e i “giacimenti gastronomici locali” ha portato VisitChiese a puntare negli anni sulla promozione specifica di questi prodotti.

Info: www.visitchiese.it

Redazione Newsfood.com

Related Posts
Leave a reply