Storo Trentino – Festival della Polenta 2016

Storo Trentino – Festival della Polenta 2016

(vedi anche altri articoli di Newsfood.com su Storo)

Storo Trentino – Festival della Polenta – 8-9 ottobre 2016

1 ottobre 2016
La seconda edizione del Festival della Polenta e della famosa farina gialla di Storo è alle porte, il prossimo weekend. Qui due ricette fuori concorso
storo-pannocchie-sui-terrazzi-al-solePolenta, uno dei prodotti agroalimentari che rappresenta un ampio territorio sub alpino e padano del nord Italia fra mille ricette e interpretazioni. Una pretenziosa giuria è chiamata a valutare i migliori piatti con la polenta. Allego una nota presentazione del Festival della Polenta, seconda edizione. Noi ne proponiamo due, fuori concorso, più tipici della zona appenninica che pedemontana. Storo diventa così la capitale della polenta italiana, soprattutto della coltivazione di una varietà di granoturco particolare, dalla grana piccola e rossa.
————————————————————————
Ecco due ricette, fuori concorso:
Polenta di Storo con quaglia e tartufo nero
Ingredienti 4 persone:
1,8 litri di acqua
800 gr di farina gialla di Storo
100 gr di burro
200 gr di ricotta mascarponata
100 cc di vino rosso
4 metà di petti di quaglia e 4 coscette
50 gr di tartufo nero
Cipolla bianca
Sale e pepe quanto basta

Preparazione
Riscaldare in un paiolo di rame o anche di alluminio l’acqua, portare a bollizione, aggiungere il sale grosso a misura. Versare lentamente a spaglio la farina e continuare a mescolare, con un frullino o trisa per evitare la formazione di grumi. Lasciare riposare alcuni minuti, quindi rimettere sul fuoco e aggiungere la ricotta mascarponata, portare a bollizione l’impasto mescolando sempre nello stesso senso orario per 40 minuti circa. In un altro paiolo mettere il burro, aggiungere i petti di quaglia e coscette preventivamente scottate in acqua bollente togliendo la pelle, aggiungere la cipolla sottilissima, il pepe tritato fresco e fare scottare e rosolare aggiungendo spruzzate di vino rosso. Impiattare la polenta molto calda e lenta morbida che formi un letto, posizionare sopra la cosca e poi sopra ancora il petto di quaglia intero, affettare il tartufo nero quanto basta.
————————————————————————————————————–
Cake giallo,  farina di Storo al limone
Ingredienti per 4 persone:
60 gr di farina gialla di Storo finissima
100 gr di polvere di mandorle sbucciate
75 gr di zucchero filato
100 gr di burro morbido
Buccia di due limoni
3 uova intere
Lievito da pasticcere

Preparazione:
Sbattere le uova intere con lo zucchero e aggiungere tutto il burro e montare con calma e completamente. Intanto portare il forno a una temperatura costante di 180 gradi. Continuare a mescolare aggiungendo la farina a spaglio e le mandorle molto lentamente ottenendo un impasto omogeneo e morbido. Aggiungere il lievito e le sole bucce  gialle dei limoni grattugiate finemente. Continuare a mescolare ancora per 5 minuti. Versare l’impasto in una teglia ben imburrata. Mettere a cuocere in forno per 40 minuti tenendo sotto controllo la cottura. Togliere da forno e lasciare raffreddare, togliere la cake dalla teglia e mettere in frigo per una ora almeno.

STORO-TRENTO, FESTIVAL DELLA POLENTA: 8 e 9 OTTOBRE 2016
Storo è un caratteristico borgo prealpino con origini antiche, uno dei primi insediamenti dei popoli Retici, su un pianoro, fra le valli Giudicarie, le prealpi trentine  e il fiume Chiese, lungo la strada che da Brescia va a Madonna di Campiglio.  Storo ospita il 2° Festival della Polenta Italiana organizzato dalla Proloco di Storo con la collaborazione del Comune di Storo, del Consorzio Turistico della Valle del Chiese e la cooperativa Agri Novanta, artefice del successo tecnico e commerciale della oramai famosa  “farina gialla” di Storo per creare le migliori ricette e piatti di Polenta.

Il Festival è il primo e unico grande evento dedicato alla polenta: dalla produzione al consumo.  Agri Novanta, nata nel 1991 con 37 soci fondatori, punta alle produzioni locali per  mantenere una agricoltura multifunzionale in montagna in grado di  mantenere una presenza lavorativa sul territorio che salvaguardi un paesaggio culturale, abbia un reddito e crei valore aggiunto. Ci sono voluti anni di ricerca finanziata dal Consorzio dei comuni Bim del Chiese, partendo da 24 varietà diverse, per ottenere una cultivar idonea al terreno e clima grazie alla sperimentazione dell’Università di Padova, denominata Grano Nostrano, da un originario Marano, il migliore granoturco per le farine da polenta.  La proloco di Storo organizza un festival dedicato a uno dei prodotti poveri della cucina italiana, espressione di una storia culinaria legato alla pianura padana, alle colline pedemontane e appenniniche.

Una Due Giorni in Giallo (8-9 ottobre) ricca di eventi e manifestazioni che ruotano attorno all’assaggio e valutazione dei piatti e ricette create dai “polenter” storesi. Il programma  si apre sabato pomeriggio con un percorso in carrozza trainata da cavalli  fra i campi mentre raccolgono le pannocchie. Fa seguito  un incontro sulle caratteristiche produttive e organolettiche presso la coop Agri Novanta. Domenica mattina i giurati, noti enogastronomi, appassionati, agronomi e moderni “scalchi” provenienti da diverse località dove la polenta è un piatto tradizionale-storico, sono impegnati ad assegnare i premi della sfida all’ultima “trisa” dell’ edizione 2016.

Una occasione anche per conoscere i più azzeccati abbinamenti con i vini, dai vini rossi alle bollicine, trentine e bresciane.  A corollario del Festival, le piazze e le vie di Storo sono vetrina e palcoscenico di diversi prodotti locali, artigianali, come gli insaccati e le carni, formaggi di malga, erbe officinali e, altro prodotto principe della cooperativa AgriNovanta, le patate novelle.

All’opera in piazza gli artigiani della impagliatura delle sedie e le donne atte alla creazione di borse della spesa, intrecciate e costruite con le foglie di granoturco. Domenica pomeriggio le premiazioni pubbliche e il concorso dei migliori spaventapasseri, un guardiano virtuale delle pannocchie che fanno spettacolo per i bambini. Bambini coinvolti anche loro in un piccolo laboratorio formativo sull’importanza di una alimentazione variegata e sana. Il consorzio turistico (www.visitchiese.it) ha predisposto interessanti itinerari e pacchetti per un weekend all’insegna della natura, della sostenibilità, del gusto e dei banchi dei prodotti tipici.

Aperta per l’occasione la Famiglia Coop Valle del Chiese dove è possibile acquistare diversi alimenti prodotti nelle  valli fra Pieve di Bono e Darzo.

Giampietro Comolli
per Newsfood.com

Alpe Adria Land Club
Gusto Europeo Mediterraneo c/o AIKAL
Associazione internazionale cultura ambiente solidale no-profit
Corso del Popolo, 29 – 30172 Venezia Mestre
Tel.+390412681160
www.aikal.eu

Redazione Newsfood.com

Related Posts
Leave a reply