Studiare il lievito di birra per conoscere il morbo di Parkinson

Studiare il lievito di birra per conoscere il morbo di Parkinson

Il lievito di birra offre preziose informazioni sul funzionamento del morbo di Parkinson

E’ quanto sostiene una ricerca dell’Istituto di Medicina Molecolare di Lisbona, diretta dal dottor Fleming Tiago Outeiro e presentata nella riunione della Society for General Microbiology a
Nottingham (Regno Unito).

Secondo gli scienziati, al centro di tutto vi è l’alfa-sinucleina, proteina che provoca la nascita dei corpi di Lewy, depositi di proteine nel cervello che causano la morte dei neuroni
produttori di dopamina e danno il via alla malattia. I sintomi, rigidità muscolare, difficoltà nel movimento e tremori, testimoniano appunto la progressiva decadenza dei neuroni
in questione.

Tuttavia, affermano gli studiosi, tali informazioni possono portare alla creazione di migliori farmaci per il trattamento del disturbo.

Commenta il dottor Outeiro: “C’è ancora molto che non sappiamo sulla funzione di questa proteina, ma sappiamo che anche un piccolo aumento del livello di alfa-sinucleina nelle cellule
porta alla morte cellulare. Il lievito è un modello molto semplice ma molto efficace per studiare come l’alfa-sinucleina effettivamente funziona. Molte delle vie biochimiche coinvolte
nel lievito sono simili a quelle degli esseri umani”.

Fonte: “Yeast holds clues to Parkinson’s disease”, Physorg 9/09/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento