Su Alitalia accordo bipartisan tra PD e PDL

Ieri sera l'incontro a palazzo Chigi.

Dopo l'incontro di ieri a palazzo Chigi tra governo e Pdl al vaglio l'ipotesi di un prestito ponte da 100-150 milioni di euro

post 1208476800 border 1505952000

Per salvare Alitalia si profila un accordo bipartisan tra Popolo della Libertà e Partito democratico, ieri sera l’incontro a palazzo Chigi tra il sottosegretario alla presidenza del
Consiglio Enrico Letta e il plenipotenziario del Pdl Gianni Letta, per vagliare le varie strade per uscire dalla crisi della nostra compagnia di bandiera, l’ipotesi di Air France
«è tutt’ora sul tappeto», fanno sapere fonti di palazzo Chigi, ma il futuro governo di centrodestra sonderà «altre soluzioni».

Berlusconi, premier in pectore, ha precisato che tutte le opzioni sono ancora aperte e che parlerà direttamente con il presidente francese Sarkozy del piano di Air France-Klm. Per
salvare Alitalia serve dunque del tempo. Tempo che la compagnia di bandiera, visti i conti in rosso, non ha. Per uscire dall’impasse, secondo indiscrezioni di stampa, governo uscente e futuro
esecutivo avrebbero in mente un decreto, che sarebbe firmato da Prodi, per autorizzare la concessione ad Alitalia di un prestito ponte da 100-150 milioni di euro. Questo per evitare il
commissariamento della compagnia e dare il tempo al nuovo governo di insediarsi e esplorare le alternative per la privatizzazione.

Tagged

Nessun commento

    Nessun commento!

    Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

    Rispondi

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    Su Alitalia accordo bipartisan tra PD e PDL

    Servizio di Leonardo Zellino.

    Dopo l'incontro di ieri a palazzo Chigi tra governo e Pdl al vaglio l'ipotesi di un prestito ponte da 100-150 milioni di euro

    post 1208476800 border 1505952000

    Tagged
    Categorie

    Nessun commento

      Nessun commento!

      Non ci sono ancora commenti, ma puoi essere il primo a commentare questo articolo.

      Rispondi

      Leave a Reply

      Your email address will not be published. Required fields are marked *