Un gruppo di scienziati dell’Università di Glasgow ha analizzato le proprietà benefiche dei succhi di frutta per far luce sui positivi effetti sulla salute. I ricercatori
britannici hanno esaminato alcuni tipi di succhi di uva, mela e mirtillo e si sono concentrati, in particolare, sulla quantità di antiossidanti contenuti in queste bevande.
Come spiegato dal coordinatore della ricerca, Alan Crozier, sull’ultimo numero del Journal of Agriculture and Food Chemistry, dalle analisi è emerso che questi succhi contengono elevate
concentrazioni di polifenoli, sostanze note per la loro azione antiossidante e preventiva nei confronti dell’invecchiamento cellulare causato dai radicali liberi.
Gli studiosi hanno scoperto che il succo di uva rossa contiene la concentrazione più elevata di polifenoli, una quantità molto simile a quella che si ritrova notoriamente nel
migliore vino rosso. Secondo i ricercatori britannici, bere regolarmente questi succhi aiuta non soltanto a prevenire l’invecchiamento delle cellule, ma anche a mantenersi in buona salute
prevenendo patologie cardiovascolari croniche e morbo di Alzheimer.
Non tutti i succhi sono, però, uguali e non tutti sortiscono gli stessi effetti positivi: Crozier ha spiegato che “tra tutti i succhi è meglio preferire quelli di uva rossa, di
pompelmo, di mela e di mirtillo perchè garantiscono un maggiore apporto di polifenoli”.

www.paginemediche.it