Sui salari Cgil, Cisl e Uil si mobilitano

La parola sciopero non compare ma i direttivi di Cgil, Cisl e Uil hanno approvato a stragrande maggioranza un documento che fissa al 15 febbraio una giornata di mobilitazione per chiedere- si
legge nel testo- «uno scatto di iniziativa politica e sociale» sul nodo salari.

Destinatario dall’avviso di sciopero innanzitutto il governo a cui i sindacati chiedono di rispondere, entro gennaio, alle proposte avanzate per la riduzione del carico fiscale per i pensionati
e lavoratori dipendenti. I sindacati confederali lamentano nel documento le esitazioni dell’esecutivo nell’affrontare i temi della crescita e della ridistribuzione della ricchezza e denunciano
i ritardi con cui, a partire dalla vertenza dei metalmeccanici, vengono concluse le trattative sul rinnovo dei contratti. Per questo sono state convocate le assemblee dei lavoratori e dei
delegati sindacali per preparare la mobilitazione del 15 febbraio.

Leggi Anche
Scrivi un commento