Milano, 27 Settembre 2007 – Si tiene domenica 30 settembre per la prima volta a Milano, al centro sportivo Crespi di via Valvassori Peroni 48, un torneo mondiale di sumo
sport
, diffuso in tutto il mondo con circa 80 paesi che hanno una squadra nazionale.

Il sumo sport è simile ma non uguale al sumo tradizionale, quello giapponese, con il rituale dello spargimento di sale prima del combattimento, dove lottano professionisti
superpagati, ma chiuso a ogni «contaminazione» che provenga da paesi stranieri. Le regole sono le stesse, ma nel sumo sport ci sono le categorie di peso, 4 maschili (fino a
85 kg, fino a 115 kg, oltre i 115 kg e open) ed è aperto anche alle donne, cosa impensabile nel sumo tradizionale giapponese.

L’iniziativa, organizzata da Fijlkam (Federazione Italiana Judo, Lotta e Arti Marziali), Judo Club Milano (l’unica palestra di sumo in Lombardia) e International Sumo Fan
Club
, organizzazione internazionale per la promozione di questo sport, rappresentata da Kairi Kuur, presidente e lottatrice estone di livello mondiale, è stata presentata in
Regione dall’assessore allo Sport, Giovani e Turismo, Pier Gianni Prosperini, e da Fausto Gobbi, atleta nazionale, organizzatore e figlio del fondatore del Judo Club Milano,
Giampiero Gobbi.
«Non è uno sport fatto solo per chi pesa 150 chili e più – ha ricordato l’assessore Prosperini – ma è aperto a tutti, bambini compresi, essendo uno sport
assolutamente sicuro e dalle regole precise. Ancora una volta, grazie alla collaborazione con il Judo Club Milano, con questa occasione di sport apriamo una finestra nuova sul grande mondo
delle arti marziali
e da combattimento».

«L’obiettivo – ha detto Fausto Gobbi – al di là del torneo mondiale, è allargare la base dei praticanti, che oggi si contano in circa 200, per far diventare questa
una disciplina olimpica. In tal senso deve essere aperto alle categorie femminili; il fatto che il sumo sport faccia capo a un’unica federazione mondiale, l’International Sumo
Federation, è di buon auspicio per raggiungere questo importante obiettivo».
Al torneo di domenica 30 settembre parteciperanno circa 80 atleti di 15 paesi, con almeno 4 campioni del mondo, nelle diverse categorie, e 30 atleti medagliati a mondiali o europei; le
gare inizieranno alle 12, con le fasi finale previsti a partire dalle 15.