Sabato 31 marzo alle 11:45 nell’ambito di Vinitaly, presso il Centro Congressi Arena “Sala Puccini”, verrà consegnata la Targa d’Oro Giuseppe Morsiani, prestigioso riconoscimento
alla carriera di un personaggio che ha contribuito a scrivere la storia dell’enologia e della viticoltura italiana.

Il riconoscimento, voluto dall’Associazione Giuseppe Morsiani e da Unione Italiana Vini e organizzato sotto l’egida della Camera di Commercio di Verona e dell’Ente Fiera Verona, viene assegnato
ogni anno, abbinandosi in quelli pari con il “Premio Internazionale Giuseppe Morsiani”, riservato alla ricerca in campo viticolo ed enologico.
La “Targa d’Oro” verrà consegnata dal Presidente dell’Unione Italiana Vini, Andrea Sartori, durante la cerimonia che si terrà in chiusura della tornata organizzata dall’Accademia
Italiana della Vite e del Vino, nel corso della quale si susseguiranno le relazioni scientifiche di Massimo Vicentini del Dipartimento Biotecnologie Agrarie Università di Firenze
(“Recenti acquisizioni sugli effetti della fermentazione malolattica sulla qualità dei vini”) e Maurizio Ciani dell’Università Politecnica di Ancona (“Influenza delle
alterazioni microbiche sui processi fermentativi e sulla qualità dei vini”
), oltre alla presentazione degli atti del convegno “Olio e vino nell’Alto Medioevo” da parte della
dott.ssa Gavetta.
La “Targa d’Oro”, istituita nel 1993, è dedicata alla figura di Giuseppe Morsiani, universalmente riconosciuto come ricercatore che ha contribuito alla crescita del settore vitivinicolo
italiano. Nato a Scandiano (Re) il 14 agosto 1922, a partire dal 1949 fu direttore del Laboratorio Enochimico di Verona dell’Unione Italiana Vini.
Nelle precedenti edizioni, la “Targa” è andata ad autorevoli esponenti del mondo scientifico, giornalistico e imprenditoriale, tra i quali ricordiamo Aureliano Amati, Cesare Intrieri,
Mario Fregoni, Gianni Zonin, Pino Khail, Antonio Calò, Zeffiro Bocci, Usseglio Tomasset, Umberto Pallotta, Lamberto Paronetto.