Roma, 09 novembre 2011
In piena tempesta economica, confusione politica, litigi e caos mediatico che non ha altro fine che arricchire i più ricchi ed impoverire i più
povere -con conseguente aumento di coloro che sanno cosa è la FAME, in particolare i bambini in tutto il mondo-,  c’è fortunatamente chi si preoccupa di loro e di  cercare
di fare qualcosa per combattere il fenomeno.

Pubblichiamo molto volentieri e ci complimentiamo con il Presidente Carlo Giovanni Criscuoli di OTA Nazionale e Bronek Szynalski, Presidente di WFP, per l’accordo raggiunto.
Giuseppe Danielli

Oggi  9 novembre 2011, presso la sede del Programma Alimentare Mondiale – WFP, in via Cesare Giulio Viola a Roma, il Presidente del Consiglio Nazionale dei Tecnologi Alimentari, Dr. Giovanni
Carlo Criscuoli, e il Presidente del Comitato Italiano WFP, Dr. Bronek Szynalski, hanno siglato un accordo di collaborazione a sostegno del WFP e della lotta alla fame nel mondo. L’O.T.A.N. e il
Comitato Italiano hanno individuato alcune attività principali che vedono protagonisti l’Ordine, le strutture Regionali e i suoi Tecnologi Alimentari che operano sul territorio
nazionale:

1) Condivisione della banca dati dell’O.T.A.N. (Ordine Tecnologi Alimentari Nazionale)
L’O.T.A.N. metterà a disposizione del Comitato Italiano la banca dati degli iscritti al proprio Ordine con le professionalità e competenze specialistiche di possibile interesse per
il WFP, relativamente alle sue attività di emergenza umanitaria e sviluppo legate all’alimentazione. Questo permetterà inoltre al Comitato di condividere con gli iscritti all’Ordine
le informazioni e gli aggiornamenti sulle proprie attività e su quelle del WFP nel mondo.

2) Advocacy presso il proprio network di contatti
L’O.T.A.N. si propone come un trait d’union d’eccellenza tra possibili nuovi partners e il Comitato Italiano, impegnandosi a promuovere la mission del WFP e del Comitato Italiano presso i propri
Ordini Regionali che operano nel territorio e presso il network consolidato di aziende alimentari, istituzioni ed organismi pubblici e privati che operano in ambito alimentare, favorendo lo
sviluppo del flusso informativo ed i contatti tra il Comitato e possibili nuovi partner, in modo che giunga rafforzato l’appello a sostenere le attivita’ del WFP nel mondo e possano nascere nuove
collaborazioni.

3) Fundraising attraverso gli Ordini Regionali dell’O.T.A.N.
L’O.T.A.N. si impegnerà a coinvolgere anche i propri Associati facenti capo agli Ordini Regionali perchè possano a loro volta intraprendere iniziative di promozione e raccolta fondi
a favore del Programma di Alimentazione Scolastica del WFP. E’ infatti questo il progetto scelto dall’Ordine, cui destinare i fondi che verranno raccolti tramite azioni concrete intraprese dagli
Associati: i pasti ad alto apporto nutritivo distribuiti dal WFP agli studenti incentivano i genitori a mandare i figli a scuola, aiutano i bambini a concentrarsi nello studio a stomaco pieno e
avvantaggiano le bambine, facilmente discriminate dalle famiglie per rimanere a casa e lavorare. Bastano 0.20 centesimi di euro al WFP per donare un pasto ad un bambino affamato, 40 euro per
garantire ad un bambino un pasto al giorno per un intero anno scolastico. Il Programma di Alimentazione Scolastica è uno dei progetti di punta del WFP che attualmente raggiunge una media
di 22 milioni di bambini e bambine in 60 Paesi.

Il Presidente dell’Ordine dei Tecnologi Alimentari, Dr. Criscuoli, esprime la sua soddisfazione per l’obiettivo raggiunto con questo accordo che annovera l’ O.T.A.N. tra i partner più
strategici del Comitato Italiano WFP. Infatti, questo è il primo passo per un processo che vedrà l’Ordine lavorare a stretto contatto con il WFP Italia per contribuire con
iniziative concrete alla lotta alla fame nel mondo.

Newsfood.com