Terminus – Porto Pojana, un nuovo approdo per Panfili del gusto

Terminus – Porto Pojana, un nuovo approdo per Panfili del gusto

Porto Pojana, un approdo sicuro sul lago dei sogni

Svizzera, Canton Ticino, Lago di Lugano, località Pojana di Riva San Vitale, Marzo 2016

Attilio Scotti
Giovedì 17 del mese di marzo un gruppo di giornalisti del settore enogastronomico sono stati invitati a Riva San Vitale, al nuovissimo ristorante Porto POIANA che aprirà al pubblico nei primi giorni di maggio.

Porto_pojanaUna riattazione completa della grande struttura carica di Storia e di tradizioni; si pensi che il complesso fu eretto nel lontano ‘800 come punto di ristoro per le diligenze che transitavano da San Gallo a Varese. Lo studio di architettura Guffarini Pagani Tresoldi  associati ha svolto il difficile compito di riattare il tutto, lasciando inalterate le bellezze architettoniche del complesso. Oggi Porto Poiana non è solo un raffinatissimo ristorante, ma luogo di incontro, sale per convegni, una cantina dei vini che lascia stupiti, angoli di lettura e meditazione e tanto altro. Con una nota significativa: il ristorante, nelle due ampie sale con vista lago offrirà al viandante di oggi una cucina di pesce fresco di lago e di mare. Attracco per i natanti, e i battelli della navigazione pubblica del Lago di Lugano hanno il loro imbarcadero. Da provare. 
Il sottoscritto Attilio Scotti ha stilato un “ ditirambo” che pur pescando nella fantasia, riesce a concretizzare il futuro di una ristorante che non c’era.

Emilio Salgari diceva; “scrivere è come viaggiare senza la seccatura dei bagagli”.

Ed io a zonzo su natante aiuto con remi quello che motore asfittico non fa. E m’incaglio nel porticciolo di Poiana, dove sulla riva sorge,  grande e serio,  il Terminus, ristorante di mare e di lago.
E scrivo sul mio taccuino.
Andrea Levratto chef“Andrea Levratto, cuoco ligure sopraffino  – che incantò al Palace di Saint Moritz, approdò da Cipriani,  stupì al Billionaire e lasciò ricordi immensi al Metamorphosis di Lugano-   mi aiuta a scendere, e mi offre un calice di bollicine trevigiane.
E dopo una mezz’ora ritorna con un piatto grande assai: al centro asparagi dolci e verdi di Revello e punte di aglio orsino del Malcantone e,  intorno, gamberi rossi di San Remo e “gamberi del cuore” di Mazzara del Vallo: in una caleidoscopica gibigiana di crudo e di cotto.

Mi ricorderò sempre di questi sapori immensi.

E il ricordo sazia più di tutta la realtà ed ha una certezza che nessuna realtà possiede: un fatto della vita che sia ricordato è già entrato nella eternità e non ha più nessun interesse temporale.
Attilio Scotti
per Newsfood.com

===============================================

attilio-scottiAttilio dr. Scotti
Giornalista professionista
tess. 11168 Ass. Indipendente Giornalisti Svizzeri
Food & Wine Consultant, Pubbliche relazioni
Eventi enogastronomici
Membre de la Presse Ass.Suisse
des Sommelier Professionels

CH.6877 Coldrerio- Canton Ticino: PO box 88
Telefoni: ++91.646.86.33 –  Mobile ++79.886.39.67
e-mail: [email protected]

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento