Terra, territorio e tradizione: questa la via del vino Canavese

Terra, territorio e tradizione: questa la via del vino Canavese

Quando cerca il vino, sempre più spesso il consumatore non cerca “solo un vino”. Attenzione e consapevole fanno puntare su miscele che uniscono gusto piacevole, identità
territoriale e riferimenti culturali. Detto altrimenti, terra tradizione e territorio.

Come ad esempio, i vini rossi del Canavese. Questo è il nome di un territorio dell’Alto Piemonte, che comprende la provincia di Torino con propaggini anche nelle provincie di Vercelli e
Biella.

Il suolo (la terra) è di origine morenica, definito da formazioni ghiaiose e permeabili all’acqua, ricca di microelementi nutritivi. A questo si aggiunge il clima: temperato ma con buone
escursioni termiche.

Infine, la tradizione, un’arte vinicola radicata nella zona dai tempi dell’Impero Romano.

Un’arte coltivata, ad esempio nella tenuta Fontecuore. I suoi vigneti sono da sempre situati nel comune di San Giorgio Canavese e sono tutelati dai proprietari: a Maria Luisa Monticelli, della
famiglia dei fondatori, si è aggiunto il marito Stefano Desideri. Entrambi hanno dato nuova vita alle usanze e alle produzioni di famiglia. Tra esse spicca il vino Canavese doc Rosso,
denonimazione composta da vitigni di nebbiolo e, in misura minore, barbera, bonarda e neretto gentile.

Nel metodo di creazione, immutato da sempre, sono importanti la moderata resa per ettaro, la vinificazione tradizionale con lunga macerazione e un periodo di conservazione nel legno.

Il risultato finale è un vino dal colore rosso rubino intenso e piacevole, ai profumi di alto profilo sul piano dell’eleganza e della finezza. Nel suo retrogusto, frutti rossi, tra cui
mora e prugna, ma con la conservazione in bottiglia emergono al naso interessanti note speziali. Al gusto è pieno, caldo, di grande armonia e ben persistente al palato, con un vago
sentore di mandorle.

CANAVESE DOC ROSSO

Annata: 2009.
Produttore: Fontecuore di Maria Luisa Monticelli e Stefano Desderi.
Stato evolutivo: si conserva ottimamente per oltre cinque anni.
Servizio a 16-18 gradi.
In tavola: Paste e risotti con sughi di funghi, di pomodoro e di carne. Brasati, bolliti, grigliate in genere. Ottimo con formaggi a media stagionatura.
Se conservato almeno due anni in bottiglia, è da provare con la selvaggina.

PER ULTERIORI INFORMAZIONI:

www.fontecuore.it

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento