Firenze, 2 Ottobre 2007 – Sono ad oggi 15.000 gli abbonati alla Pegaso card in Toscana. Circa 25.000 invece le tessere Pegaso, numeri alti ma che la Regione vuol incrementare per
diffondere sempre di più l’uso del mezzo pubblico, garantire così spostamenti maggiormente efficienti ed efficaci e ottenere risultati positivi su temi come l’inquinamento, il
traffico e l’incidentalità.

Per questo ha investito 1 milione e 200mila euro nel triennio 2007-2009 per il funzionamento del sistema Pegaso.

La nuova campagana di comunicazione Pegaso partita alla fine di settembre e in corso fino alla fine di ottobre – compare su quotidiani, free press, spot radiofonici, pubblcità su bus,
autobus e treni regionali – ha lo scopo di diffondere l’uso della Pegaso card favorendo la percezione della sua comodità e della sua convenienza.

Pratico, ecologico e conveniente: tre infatti sono i messaggi della nuova campagna per promuovere il sistema Pegaso. Pratico perché ti permette di usare più mezzi (treno, autobus)
sulla stessa tratta con lo stesso titolo di viaggio. Ecologico perché riducendo il numero dei mezzi circolanti si riduce anche l’inquinamento. Conveniente perché ti permette di
risparmiare tempo e denaro.

“La Pegaso Card – spiega l’assessore regionale ai trasporti Riccardo Conti – è nata per facilitare e favorire l’utilizzo del mezzo di trasporto pubblico in Toscana. E poi il sistema “a
rete”, ovvero intermodale, incentiva certamente anche ‘uso del treno, elemento da non sottovalutare per raggiungere la quota dei 500mila passeggeri toscani in treno di qui al 2013. E’ questo
l’obiettivo su cui la Regione sta lavorando e investendo e che sarà possibile grazie soprattutto all’Alta capacità con la quale la Toscana sarà più moderna e
all’altezza degli standard europei che ci chiedono trasferimenti agili, ecologici e sicuri”.

Chiara Bini