Tre piantine aromatiche che fanno bene alla salute e alla cucina

Tre piantine aromatiche che fanno bene alla salute e alla cucina

Salvia, rosmarino e timo: tre piantine aromatiche che fanno bene alla salute e alla cucina

Nonostante vi sia un certo scetticismo generale per l’utilizzo dei rimedi naturali per la salute, devi sapere che alcune specie di piante e fiori hanno reali effetti sull’organismo. Tra queste ve ne sono alcune che si rivelano essere un vero toccasana per la salute e, assieme ai consigli di coltura di codiferro.it, oggi vedremo quali sono le più utili sia per la cucina che per la salute. Ovviamente non stiamo parlando di rimedi medici ma di piccoli aiuti per la salute che, soprattutto in cucina, possono fare la differenza. Ecco quindi le tre piantine aromatiche che fanno bene alla salute e alla cucina.

Salvia:
gusto e salute con una bella spadellata di burro

La Salvia è una pianta mediterranea spontanea ed è anche una delle più coltivate in vasetto. In antichità si utilizzava per purificare l’aria dei templi ai tempi degli antichi Egizi e dei Romani. Vi era la convinzione che bruciandola prima dell’incenso questa purificasse gli ambienti dalle impurità spirituali. Oggi è utilizzata moltissimo sotto forma di olio essenziale ma anche come potente battericida. La Salvia è l’ingrediente ideale per il diabete di tipo 2 oltre che per il controllo del colesterolo. Si tratta di un alimento che contrasta le infiammazioni e che aiuta anche a risolvere i problemi di alitosi.
In cucina l’utilizzo più conosciuto è quello dei primi a base di burro e salvia ma, se volgiamo proprio parlare di salute, questo non è propriamente il piatto più salutare che esista. In condizioni di normalità uno strappo alle regole, tuttavia, si può anche fare. Giusto? In ogni caso il sapore della salvia è così persistente che si sposa bene in arrosti e brodi dando un tocco di gusto inconfondibile ed ammaliante.

Rosmarino:
un classico dalle numerosissime potenzialità

Il Rosmarino è una pianta forte e resistente, tant’è che si coltiva senza troppe attenzioni anche in vasetto. Chi lo ama e lo utilizza in cucina è solito spolverarlo un po’ su tutto: arrosti, brodi, primi e persino tisane ed insalate. Il punto è che il rosmarino dona carattere agli alimenti e da sapore senza l’utilizzo di condimenti grassi come oli, sale, burro e salse. Il sapore del rosmarino è così incisivo da cambiare totalmente l’animo di una pietanza per cui una volta iniziato ad usarlo non potrai più farne a meno.
In salute il rosmarino è amatissimo da chi si affida alla naturopatia per migliorare il proprio benessere fisico e mentale. Difatti è un ottimo ingrediente da utilizzare per l’aromaterapia, dato che riduce lo stress e le tensioni muscolari. Da un punto di vista nutritivo, invece, il rosmarino è la pianta aromatica sfiammante per eccellenza. Anch’esso si rivela un alleato per i diabetici e ha proprietà antisettiche e antibatteriche di cui godere sotto forma di decotto.

Amato odiato timo

Anche il timo e le sue proprietà sono note dall’antichità. Per esempio sembra che gli antichi egizi utilizzassero il timo durante il processo di imbalsamazione dei faraoni mentre gli Etruschi lo coltivavano in tantissime varietà per conservare gli alimenti e profumare le loro pietanze. Il nome della pianta è di origine greca e significa “principio vitale”. Il timo in infuso o decotto si usa per lenire i disturbi legati e bronchite, asma, sinusite e rinite dato che ha una potente efficacia antivirale. Non è indicato nei soggetti che soffrono di iper tensione ma è comunque un alleato molto valido delle vie respiratorie.
In cucina il timo va utilizzato con attenzione perché ha un sapore davvero molto forte. Tuttavia noi lo consigliamo principalmente per la cottura delle verdure dato che è in grado di esaltarne fortemente i sapori senza appesantire il piatto con inutili calorie e grassi.

 

Angela Salute
per Newsfood.com

 

Vedi anche:

Festa delle Erbe Aromatiche, Officinali e Antiche Piante – 16 e 17 giugno 2018 – Borgo di Rollo, Andora (SV) 1 Giugno 2018Ci scrive Ada… pubblichiamo e, forse, il 16 e 17 giugno, andremo in Liguria per erbe nel Borgo di Rollo, ad Andora. Ada: Ci farebbe un grande piacere avervi in mostra, ma non siamo in grado di ospitarvi poichè siamo … Leggi tutto

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento