Trentodoc Bollicine sulla città

Trentodoc Bollicine sulla città

Trento – Quando si parla di Trentodoc e di metodo classico il primo pensiero da addetto ai lavori va al grande lavoro di squadra svolto dai singoli produttori e dall’intero comparto del Trentodoc per elevare la qualità produttiva quanto nel darsi una cifra stilistica comune, pur nelle diversità interpretative.

Oggi il Trentodoc è forse l’area italiana, dedita al metodo classico, che parla una “lingua gustativa” che tutti gli appassionati di vino riconoscono al primo assaggio.

Una recente conferma di questo trend qualitativo diffuso è rappresentata dai risultati ottenuti nella guida “Sparkle 2016” presentata lo scorso sabato al Westin Excelsior di Roma a cura della redazione di “Cucina e Vini” del vulcanico Francesco d’Agostino.

Ben 15 sono state le 5 sfere, il massimo del punteggio ottenibile, gli spumanti d’eccellenza secondo il panel di esperti.

Per dovere di cronaca li citiamo tutti, in rigoroso ordine alfabetico:

“Domini Nero Brut 2010” e “Cuvée dell’Abate Brut 2008” di Abate Nero, “Pas Dosé 2010” di Balter, “Redor Brut” della Cantina Rotaliana, l’Altemasi Graal Brut 2008 di Cavit, Aquila Reale Brut 2008 di Cesarini Sforza, il Perlé Brut 2009, il Riserva Lunelli Extra Brut 2007 della Ferrari, il 51,151 Brut di Francesco Moser, il Talento Riserva del Fondatore 976 Brut 2005 di Vetrari, il Riserva Madame Martis Brut 2005 e Rosé Brut di Maso Martis, il Methius Brut 2009 dei fratelli Dorigati, il Paladino Extra Brut 2010 di Revì e il Maso Nero Rosé Brut 2009 di Zen.

Tutti i 41 soci aderenti al consorzio Trentodoc, saranno presenti (e protagonisti) di “Bollicine sulla città” che dal 26 novembre al 13 dicembre a Trento rappresenta un’occasione unica per degustare la collezione 2015 delle bollicine di montagna, che vantano oltre un secolo di tradizione, iniziata con gli esperimenti di Giulio Ferrari, autentica istituzione della spumantistica italiana.

Con questa edizione la manifestazione ospitata a Palazzo Roccabruna Enoteca Provinciale del Trentino, nelle diverse aziende spumantistiche e nel MUSE, il nuovo Museo delle Scienze progettato da Renzo Piano, compie 11 anni e propone un ricco calendario di appuntamenti, degustazioni, incontri dedicati a operatori del settore ed appassionati.

Tutta la città partecipa alla manifestazione con numerosi eventi in bar, winebar, enoteche e cantine in tutto il periodo che va dal 26 novembre al 13 dicembre e per non lasciar senza appoggio le bollicine non mancheranno assaggi di specialità enogastronomiche, menù territoriali e piatti della tradizione trentina.

Info: www.palazzoroccabruna.it

Giuseppe De Biasi

Leggi Anche
Scrivi un commento