Treviso lancio del Concorso: «Io, tu, noi… liberi di esserci»

 

La Provincia di Treviso, il Coordinamento delle Associazioni di Volontariato trevigiane e la Consulta Provinciale degli Studenti bandiscono il concorso «Io, tu, noi…
liberi di esserci – scegliamo il nostro social-day all’interno della settimana della solidarietà»
, rivolto agli studenti delle scuole superiori statali e
paritarie, dei Centri di Formazione Professionale e dell’Istituto Penale Minorile di Treviso. Sono intervenuti alla presentazione l’assessore provinciale alle Politiche
Sociali, Barbara Trentin, il presidente del coordinamento Ass. Volontariato trevigiano, Giovanni Grillo, il dirigente scolastico, Sandro Silvestri, il presidente della consulta
Provinciale del Volontariato, Alberto Franceschini e il responsabile del progetto giovani della Provincia di Treviso, Fabio Marin.

«Il concorso «Io, tu, noi…liberi di esserci» è uno dei tanti progetti rivolti ai giovani ai quali la Provincia sta lavorando per rispondere al
bisogno del territorio di coordinare e promuovere una rete per le politiche giovanili» ha esordito l’assessore provinciale alle Politiche Sociali, Barbara Trentin. «La
Provincia di Treviso sta sostenendo varie iniziative di questo genere come ad esempio la creazione di un tavolo provinciale per il coordinamento delle azioni e degli interventi
riguardanti i giovani, o come la mappatura delle politiche giovanili nella Marca. Non si può prescindere infatti dalla conoscenza« ha continuato l’assessore Trentin
«e a questo scopo abbiamo già iniziato la pre-mappatura in 9 comuni della provincia e per fine anno contiamo di estenderla a tutti i 95 comuni. Un ulteriore progetto della
Provincia è la realizzazione di un sito rivolto ai giovani con disabilità cranica acquisita, attivando anche un monitoraggio dei casi del territorio. Questo in particolare
è un dato che interessa anche al Ministero del Welfare, che per primo vorrebbe creare una mappatura a livello nazionale. Il concorso Io, tu, noi…liberi di esserci,
inserito nell’evento Social Day, nasce per promuovere l’adesione dei giovani al volontariato, perché essi devono essere sostenuti nello sviluppo dello spirito di
solidarietà. Per quanto riguarda il concorso vorrei ricordare il valore dei premi:il primo premio del concorso è di 1250 euro, il secondo di 1000 euro, il terzo di 750
euro. In aggiunta ci sono altri due premi del valore di 500 euro ciascuno che sono destinati a chi ha realizzato progetti per anziani o per disabili».

«Questo progetto esprime l’impegno quotidiano nel voler crear rete con il territorio» ha commentato il presidente del coordinamento Ass. Volontariato trevigiano,
Giovanni Grillo. «L’obiettivo preciso di questo concorso è quello di attirare il mondo dei giovani e della scuola al volontariato. Le basi di un buon cittadino
nascono e si sviluppano nel mondo scolastico. È per questo importante la scelta di avere un referente tra i giovani, affinchè essi stessi siano protagonisti responsabili e
capaci di delineare il futuro della società partendo dalle loro potenzialità».

«Il concorso, dedicato a gruppi di giovani di scuole pubbliche o paritarie e coordinati da un insegnante, prevede la realizzazione di un progetto nell’ambito del
volontariato che sarà poi concretizzato in azione durante il Social Day: le scuole dovranno documentare attraverso un report quanto svolto e questo sarà la base della loro
valutazione» ha commentato Sandro Silvestri, qui nella veste sia di dirigente scolastico sia di presidente della Consulta Provinciale degli Studenti.

Il presidente della consulta Provinciale del Volontariato, Alberto Franceschini ha commentato che «questa è un’iniziativa che va nella direzione giusta e per questo
motivo è stata accolta con interesse dalla consulta».

«La Provincia, attraverso la mappatura, renderà disponibili in rete le informazioni e i servizi sui quali lavorare per sviluppare le politiche sui giovani. Il sito, che
creeremo a misura di giovane con forum e blog dove condividere le esperienze, conterrà le attività realizzate dalla Provincia di Treviso nonché le nuove
informazioni e novità sui progetti» ha commentato il responsabile del progetto giovani della Provincia di Treviso, Fabio Marin.

Il concorso intende premiare i gruppi di studenti che, con l’aiuto di insegnanti e in collaborazione con associazioni di volontariato, predispongano e realizzino progetti di
intervento nelle aree della disabilità, dell’emarginazione, dell’integrazione, dell’ambiente, della sicurezza stradale, degli anziani, delle differenze di
genere.

Le azioni predisposte dalle scuole saranno attuate durante la settimana dedicata al sociale, che si svolgerà dal 23 al 28 marzo 2009. Le azioni dovranno essere documentate e i
prodotti elaborati saranno portati a conoscenza degli studenti durante la giornata della legalità che si terrà il 23 maggio 2009.

Il bando è disponibile in tutti gli istituti superiori e sul sito della Provincia www.provincia.treviso.it.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento