Troppa carne alla griglia favorisce il cancro alla vescica

Troppa carne alla griglia favorisce il cancro alla vescica

Pericolo barbecue. Mangiare molta carne alla griglia (o fritta) aumenta la frequenza del cancro alla vescica.

Ad affermarlo, una ricerca dell’University of Texas, diretta dal dottor a Wu Xifeng e presenta alla US Cancer Conference.

Il dottor Xifeng e compagni hanno preso in esame 1700 persone di cui hanno seguito alimentazione (ricca di carne alla griglia) e stato di salute. Dopo 12 anni di osservazione, gli scienziati
hanno notato come coloro che gustavano con frequenza carne alla brace mostravano il doppio della probabilità di essere colpiti da tumore alla vescica rispetto ai più moderati.

Inoltre, non tutte le carni sono uguali. Ai primi posti della classifica del rischio, un trio composto da bistecche, braciole di maiale e pancetta: nei casi estremi, erano capaci di aumentare
il rischio di cancro del 500%.

Attenzione anche a pollo e pesce: nonostante siano di base più leggeri, se fritti anch’essi possono favorire l’insorgenza della neoplasia alla vescica.

In più, gli studiosi fanno notare come, del pezzo di cibo cotto, le parti più pericolose sono quelle bruciacchiate e croccanti, poiché la combustione genera le sostanze
chimiche cancerogene.

Conclude allora il dottor Xifeng: “Questi risultati confermano il nostro sospetto che le persone che mangiano molta carne rossa, specialmente se cotta alla brace o fritta, sembrano avere un
rischio maggiore di sviluppare il cancro alla vescica”.

Fonte: “Well-done meat doubles bladder cancer risk”, BBC News, 19/04/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Related Posts
Leave a reply