Turismo estate a Cortina d’Ampezzo: Bollicine, Tennis coi Vip e presto l’aeroporto

Turismo estate a Cortina d’Ampezzo: Bollicine, Tennis coi Vip e presto l’aeroporto

Cortina D’Ampezzo, 31 luglio 2017

 

CORTINA SBANCA CON IL QUARTO TORNEO DI TENNIS ATP

Mentre avanzano a tutto vapore  i lavori per l’aeroporto di Fiames

(Dal nostro inviato speciale)
Franco Vergnano

CORTINA – Lo spagnolo di Tenerife Roberto Caballes Baena si è aggiudicato la quarta edizione degli Internazionali di Tennis di Cortina. Una finale vinta in due set contro un altro protagonista del torneo dolomitico, l’austriaco Gerald Melzer, già dominatore nel doppio in coppia con Guido Andreozzi. Il nostro Matteo Viola si è fermato alle semifinali.

Andrea Mantegazza

 

 

Il bilancio della manifestazione? “È assolutamente positivo – spiega il Direttore del torneo Andrea Mantegazza – anche perché mai come quest’anno abbiamo assistito a delle bellissime partite e di livello altissimo. Abbiamo inoltre avuto tanti bambini dalle scuole tennis delle province di Belluno e Treviso ed è stata una gioia vederli entusiasti chiedere autografo ai loro beniamini”, oltre che fare i “ballboys/girls”.

 

Paola Bergamo, Presidente del Country Club

 

 

“Proviamo sempre a portare un buon evento che faccia bene anche a livello turistico – racconta la Presidente del Country Club, Paola Bergamo – che dia un impulso al turismo sportivo e che faccia da stimolo anche ai ragazzi delle nostre scuole tennis. È un privilegio per loro così come per noi”.

E’ così calato il sipario su questa quarta edizione degli Internazionali di Tennis Atp di Cortina che ha regalato un grande spettacolo a tutti gli appassionati di tennis.

A latere della manifestazione, anche altre simpatiche manifestazioni, tra le quali un torneo riservato ai giornalisti provenienti da diverse regioni d’Italia. Inoltre Stefano Meloccaro di Sky Sport e conduttore di Edicola Fiore in coppia con Rosario Fiorello, ha preso parte agli Internazionali di Tennis di Cortina.

Esattamente come avvenuto alcune settimane fa con Paolo Maldini che ha accettato l’invito degli organizzatori del Challenger di Milano, Stefano Meloccaro ha a sua volta accettato la “wild card” degli organizzatori e ha giocato in coppia con il componente della squadra di Coppa Davis, Alessandro Giannessi. Il tennista è recente semifinalista al torneo Atp di Umago e, grazie alle semifinali raggiunte, è diventato il numero 84 del ranking Atp.

Stefano Meloccaro è una delle voci del tennis su Sky Sport. Tennista promettente, ha frequentato la scuola dei Maestri prima di fare il giornalista.

Comunque non c’è stato solo tennis, ma anche bollicine in questa estate frizzante a Cortina D’Ampezzo. Infatti, tra i promotori della manifestazione troviamo non solo il “tecnico” Technogym e Unopiù, ma anche lo sponsor Serena Wines 1881.

 

Intanto, a margine del torneo si è saputo che procedono rapidamente i vari adempimenti previsti per la realizzazione dell’aeroporto Fiames, anche in vista dei Mondiali di sci alpino del 2021.

Nelle scorse settimane è arrivato il placet dell’Enac (Ente nazionale per l’aviazione civile). “Nei prossimi giorni – spiega Gherardo Manaigo, Patron dello storico Hotel de la Poste, e animatore del rilancio e del rinnovamento di Cortina – verrà costituita la Società per azioni (Spa) con un consistente capitale sociale, come richiesto appunto dall’Enac. Se tutto va secondo i piani, la pista”.

Il progetto è top secret, ma prevede l’arrivo a Cortina di velivoli fino ad un massimo di 19 passeggeri. Volando sui cieli dolomitici, si potrà fare un vero e proprio salto di qualità nel lusso: raggiungere Milano in 45 minuti, Roma in 75, Montecarlo in 65, Monaco di Baviera in 50.

L’obiettivo principale è infatti quello di accorciare i tempi per raggiungere Cortina. E’ chiaro che a maggiori collegamenti corrispondono non solo più arrivi, ma anche un miglioramento della qualità della clientela.

Insomma, c’è un gruppo di imprenditori, manager e cittadini che crede fermamente che Cortina, Patrimonio dell’Umanità Unesco e vera meraviglia del nostro Paese, possa creare novità capaci di farla preferite a località come St. Moritz o Gstaad. Come dire turisti che verranno strappati da altre note località alpine: soprattutto stranieri abbienti. Ossia nuovi sbocchi per il made in Italy di qualità.

 

Nel progetto sono inseriti un’area per gli elicotteri, l’elisoccorso attivo h24, un’area per i voli privati, piazzole di sosta, hangar da 40 metri per 20 per 8, casermetta per la sicurezza, area dove intervenire sui mezzi per togliere neve e ghiaccio, piattaforme per il rifornimento, piazzole da 25 metri per 25 e servizi per chi viaggia con gli animali. La pista di atterraggio passerà dai 1.285 metri attuali a 1.600 metri. Ci saranno poi uffici, area commerciale, camera di emergenza: saranno creati decine di nuovi, qualificati, posti di lavoro.

Franco Vergnano
Inviato Speciale Newsfood.com

Related Posts
Leave a reply