UE, ogni anno 120.000 tumori per obesità

UE, ogni anno 120.000 tumori per obesità

L’aumento del peso della popolazione non è solo un problema americano: anche l’Unione Europea deve fare i conti con i danni alla salute causati dagli eccessi alimentari.

Nel 2008 ad esempio i medici del Vecchio Mondo hanno denunciato più di 124.000 casi di tumore dovuti ad obesità.

Sull’argomento esiste uno studio dell’università di Manchester, diretto dal dottor Andrew Renehan e presentato al Congresso europeo di oncologia.

Secondo i dati della squadra di Renehan, i tumori correlati all’obesità oscillano tra il valore della Repubblica Ceca (8,2% per le donne, 3,5 uomini) e quello della virtuosa Danimarca
(2,4% uomini, 2,1% donne): la media si aggira al 4% per entrambi i sessi, come ad esempio in Germania e Gran Bretagna.
I ricercatori hanno anche evidenziato la composizione del problema cancro: nel 2008 su 124.000 casi di malattia, le versioni più frequenti erano il il cancro all’endometrio (33.421
casi), quello al seno post-menopausa (27.770) e al colon-retto (23.730 casi).

Avverte quindi il dottor Renehan: “Dato che molta gente smette di fumare e le donne sempre meno assumono terapie ormonali, nel prossimo decennio l’obesità’ potrebbe diventare la
principale causa di cancro nelle donne in Europa. Un dato che dovrebbe sensibilizzare le autorità’ pubbliche sui rischi reali di alimentazione sbagliata e conseguente aumento di peso”.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento