Un lievito speciale: ecco il vino high-tech contro le allergie

Un lievito speciale: ecco il vino high-tech contro le allergie

Un momento di vendemmia, con l’uva messa in un grande catino. Poi, uomini e donne a piedi nudi a pigiarla, per iniziare la produzione della bevanda.

Per secoli, la pigiatura coi piedi è stata momento fondamentale della nascita del vino. Simpatica e caratteristica, tale procedura non eliminava il problema per i malati di allergia:
quando questi consumavano, erano colpiti da emicranie e problemi di pelle.

Una possibile soluzione arriva così da una ricerca dell’Università of British Columbia (sezione
Wine Research Centre) diretta dal dottor Hennie van Vuuren.

Obiettivo degli scienziati, creare un vino ipoallergenico e migliorare la qualità delle etichette canadesi, ad oggi svantaggiate rispetto ai grandi nomi d’Italia e Francia.

A tale scopo gli esperti hanno ideato un ceppo di lievito ipoallergenico, che blocca le reazioni allergiche e può essere così consumato da tutti.

Per completezza d’informazione, è giusto ricordare come la ricerca sia stata finanziata dal governo federale canadese, tramite la Fondazione canadese per l’innovazione (Cfi).

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento