Un’insalata al giorno mantiene giovane il cervello

Un’insalata al giorno mantiene giovane il cervello

 

Un’insalata al giorno per mantenere il cervello in salute, evitando problemi di memoria.

Questa la conclusione di una ricerca della Rush University Medical Center a Chicago, diretta dalla dottoressa Martha Clare Morris e pubblicata su “Alzheimer’s & Dementia: The Journal of the Alzheimer’s Association”.

In primis, gli studiosi hanno creato un campione di lavoro: 960 volontari, 81 anni di media, tutti senza demenza e seguiti in media circa 5 anni (alcuni casi sono stati seguiti 10 anni).

Tutti loro hanno subito questionari per definire le abitudini alimentari, con particolare attenzione al consumo di tre verdure: lattuga, spinaci e cavolo/verza. In seguito, gli anziani sono stati divisi in base al consumo medio giornaliero: chi ne mangiava di più ne consumava mediamente 1,3 porzioni al dì; chi ne mangiava meno si assestava su un consumo medio di appena 0,1 porzioni al dì, praticamente nulla.

Infine, tutti gli anziani sono stati esaminati tramite test di valutazione della memoria e della cognizione. I risultati hanno mostrato come chi consumava più insalata (ed in generale, più verdure) presentava minor declino di memoria ed abilità mentale. Secondo gli studiosi, i consumatori di insalata e cibo “verde” avevano, a pari età e di altri fattori, mostravano un cervello di 11 anni più giovane rispetto agli altri.

Soddisfatta la dottoressa Morris: intervistata, la dottoressa ha sottolineato l’importanza dei risultati, senza però dimenticare la prudenza. Secondo la scienziata, i dati raccolti non sono sufficiente per stabilire un nesso causale tra consumo di verdure e salute del cervello; ciò detto, mangiare insalata rimane un’abitudine salutare.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore,  la redazione e la proprietà, non necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento