Nessuna norma vieta di indicare in etichetta l’origine della materia prima impiegata nei prodotti alimentari o la provenienza del prodotto. E’ quanto sostiene l’Unione Nazionale Consumatori in
merito all’abrogazione della norma contenuta nella legge n. 204/2004 che prevedeva l’obbligo di indicare su tutti i prodotti alimentari il luogo di origine o di provenienza. L’abrogazione della
norma, prevista dalla legge comunitaria 2007 di prossima emanazione, è dovuta a una reprimenda della UE che secondo l’Unione Consumatori si è sempre impegnata a impedire ai
consumatori di conoscere l’origine del prodotto alimentare per non scalfire interessi commerciali fortissimi. Ma i consumatori italiani, prosegue la nota, vogliono il prodotto nazionale e non
si fidano di quello fatto con materia prima estera. Poiché non c’è alcun divieto di indicare in etichetta l’origine del prodotto e la provenienza della materia prima, l’Unione
Consumatori invita i produttori alimentari a riportare in etichetta queste indicazioni che sicuramente favoriranno le vendite dei prodotti nazionali non solo in Italia, ma anche all’estero.

www.primapress.it