Roma, 2 Ottobre 2007 – “Sono state ripristinate le ragioni della tutela dell’ambiente e premiati i cittadini, le amministrazioni e le associazioni ambientaliste che da mesi lottano
affinché, in Val di Noto, le scelte vadano verso un turismo eco-sostenibile affermando un modello di sviluppo che contempli la tutela e la valorizzazione delle sue bellezze naturali e
dei suoi valori culturali”.

Così Legambiente in una nota esprime soddisfazione per la sentenza del Consiglio di giustizia amministrativa di Palermo che ha accolto il ricorso presentato dagli assessorati regionali
all’Industria e al Territorio e Ambiente e che di fatto ha ribaltato la sentenza del Tar che aveva ritenuto legittima l’iniziativa della Panther per continuare le trivellazioni in Val di Noto.

Legambiente fa sapere anche che non intende abbassare la guardia fino a quando dalle tante parole spese non si passerà ai fatti con l’approvazione, da parte dell’Assemblea regionale
siciliana, del ddl della giunta Cuffaro, che vieta le trivellazioni e ogni nuova attività estrattiva e di raffinazione sull’intero territorio regionale, comprese le isole minori.