La veronica è una pianta erbacea perenne, alta sino a 50 cm, che cresce nei
prati, nei pascoli e nei boschi sino a 2000 metri di altitudine. Le foglie hanno forma variabile da rotonda a ovale con margine dentellato; i fiori sono a calice, di colore azzurro chiaro o
lilla, hanno venature di colore più scuro.
Pianta molto conosciuta nel passato come pianta terapeutica, anticamente era utilizzata per la cura della febbre, della tosse da tubercolosi, della lebbra e di molte altre malattie. Oggi si
riconoscono solo le sue proprietà ornamentali e la sue azioni digestive e toniche.
Della veronica si utilizzano le sommità fiorite e le foglie.

In cucina
Si può preparare un decotto con 100 grammi di sommità fiorite e foglie di veronica lasciate a bollire per 10 minuti in 100 cl di acqua.

Consigli della nonna e curiosità
La pianta prende forse il suo nome da santa Veronica, la quale, secondo la tradizione, deterse il volto di Cristo lungo il Calvario.

a cura di Rosa Velliscig e Lorenzo Totò