Vinitaly: attenzione alle etichette ingannevoli

L’immagine di un vino si vede dall’etichetta: pochi centimetri quadrati con immagini d’impatto che suscitano attrazione e contenuti informativi che parlano di eccellenza e qualità,
interamente dedicati al consumatore.

Ma l’acceso dibattito che ruota intorno alla questione «etichettatura» oltrepassa ormai i limiti della sola informazione, indirizzando l’attenzione alle due facce del vero e del
falso e al comportamento d’acquisto del consumatore. E’ questa la veste del tutto nuova ed originale del convegno-dibattito Il lato oscuro dell’etichetta presentato da Città del
Vino e Coldiretti a Vinitaly 2008 (Verona, 3 aprile – Sala Doninzetti, Pad. 9, info: www.cittadelvino.it; www.coldiretti.it).

Un dossier della Coldiretti che raccoglie esempi sconvolgenti di nuove ed ingannevoli etichette in arrivo sul mercato e un’interessante ricerca sociologica dedicata alle Buone pratiche di
Consumo – come il consumatore sceglie il vino promossa da Città del Vino – l’Associazione dei Comuni a più alta vocazione d’Italia – saranno i temi caldi del dibattito, in
cui le attuali normative e l’annosa questione dell’obbligatorietà o meno di certe informazioni saranno analizzate in vista delle nuove normative, quali il regolamento comunitario di
settore e la fondamentale questione vitigni e annate in etichetta, e quello che si vorrebbe introdurre a favore della sicurezza alimentare.

Related Posts
Leave a reply