Vinitaly va a Chengdu e Jack Ma, fondatore di Alibaba, sarà a Verona

Vinitaly va a Chengdu e Jack Ma, fondatore di Alibaba, sarà a Verona

VINITALY A CHENGDU: CONCENTRARE SFORZI E DIVERSIFICARE CONTATTI E CONTRATTI SUL MERCATO CINESE

Di Giampietro Comolli (vedi anche altri articoli)

Tema e progetto molto interessante. Più volte abbiamo applaudito alla svolta intelligente fatta da Vinitaly e dal direttore Giovanni Mantovani ( nb: al di fuori del comparto finanziario e delle multinazionali, i direttori restano sempre molto  più tempo dei presidenti, perché?) compiuta qualche anno fa a proposito di “usare ed esportare” il marchio Vinitaly non solo come promo-commercializzazione dell’Ente Fiera ma anche come brand unitario e forte per tutto il vino italiano. Scelta che già nel 2002 e nel 2004 avevamo evidenziato, come relatore,  in due convegni proprio durante l’evento fieristico: la necessità di aggregare sforzi, di identificare un unico sistema-progettuale e un identitario marchio-nazionale che potesse sviluppare un percorso forte e globale per fare conoscere e pubblicizzare il “ vino Italia” come avevamo lanciato mentre ero ai vertici del gruppo Ferrari-Lunelli e del Consorzio Terre del Gavi docg.

Si sentiva il bisogno urgente di fare squadra per essere competitivi per superare quel gap enorme che ci divideva dalla Francia tradizionale e uno competitor e benckmarker del vino mondiale. La Francia nel 1980 aveva lanciato Sopexa che fece un grande lavoro di cui ancora oggi si constata il successo e il risultato essendo ancora aperti uffici e delegazioni sparsi nel mondo. Una iniziativa francese che riguardava tutto l’agroalimentare transalpino, ma soprattutto secondo una logica di pubblicità e di commercializzazione, non di promozione e basta.

L’Italia si è affacciata solo recentemente: l’Ice svolse una funzione più diplomatica che commerciale e più orientata all’incoming di opinion leaders che di buyer veramente autorevoli,  consolati e ambasciate tricolori non hanno mai avuto addetti agroalimentari presenti e fissi sui mercati esteri, la Gdo italiana non ha mai guardato fuori dai confini nazionali, Buonitalia è stata una catastrofe, come altri soggetti.

Bene invece Vinitaly che ha fatto bene quello su cui altri hanno fallito o non hanno voluto fare.  Forse l’unica pecca di Vinitaly, errore forse dovuto, e dovuto digerire, è stato il padiglione Vino a Expo Milano. Un segnale recente di cambio marcia viene anche da Ita-Ice che inizia ad incidere anche presso le strutture governative-commerciali estere e lavora molto bene come stimolo presso le ambasciate italiane.

La Farnesina dovrebbe dare una mano al Mise per creare figure operative-diplomatiche nelle ambasciate e consolati indirizzati all’agroalimentare.

Bene quindi l’iniziativa-esportazione di Vinitaly a Chengdu durante il Wine and Spirits Show, con ottimi segnali. I vini italiani sono in crescita in Cina, ma ancora molto distante da Francia, Australia, Argentina, Cile, Nuova Zelanda. L’export tricolore nel 2015 è arrivato a un fatturato di 90 mil/€.

Di grande auspicio e prospettiva le parole di Ettore Sequi ambasciatore in Cina: “In Cina possiamo migliorare l’attuale posizione, perché il mercato cinese è ampio, diversificato, settoriale, inesplorato”. Noi aggiungiamo che è un mercato difficile, complesso, dipendente da diversi fattori politici e economici piuttosto che qualitativi e tipologici con una forbice enorme fra i consumatori ricchi concentrati e l’enorme popolazione curiosa ma disposta a spendere meno per una bottiglia di vino.

Di grande interesse le parole del direttore Giovanni Mantovani per la presenza a Vinitaly 2016 di Jack Ma, il fondatore di Alibaba, veicolo importante per fare non solo e-commerce ma anche cultura sullo stile produttivo italiano.  Ci corre l’obbligo però di fare un appello-annuncio sperando che sia accolto dal ministro Martina e dal presidente Renzi.

Nel 2015 , nelle sole 12 grandi città della Cina, si sono svolti come individuali o collettive, dirette dall’Italia o dai cinesi stessi, ben 32 eventi sul vino italiano con una – crediamo – dispersione di energie, fondi, immagini.

Sarebbe bene concentrare le iniziative, correre tutti con lo stesso marchio, semplificare le informazioni. Il mercato cinese è ancora alle prime mosse sul vino. Concentriamo spese e forze, aggreghiamo, creiamo pochi punti fissi continui e insieme a manager cinesi per dare impulso ai nostri vini, al turismo, al made in Italy a tavola. questa deve essere la nuova sfida: ben venga Vinitaly sui vari mercati esteri come porta bandiera, come brand per e-commerce, come divulgatore, come gestore di info-desk in Cina. L’export di vino italiano in Cina, seppur in crescita, non ha espresso ancora tutte le sue potenzialità. Secondo i dati ISTAT, l’export di vino in Cina  è cresciuto del 18% (dopo due anni di cali) rispetto all’anno precedente.

Dal punto di vista quantitativo, l’Italia ha esportato circa 27 milioni di litri di vino con una crescita del 5,5%, di cui (nota di www.ovse.org) circa 4,1 milioni di bottiglie di spumanti e 1,5 di frizzanti. I prezzi medi hanno registrato un aumento da 2,96 a circa 3,30 euro/litro con punte di 3,95 euro/bottiglia in dogana per il Prosecco Spumante Superiore.  Tuttavia, l’attuale posizionamento del vino italiano in Cina non è ancora adeguato al ruolo che l’Italia ricopre nel panorama enologico mondiale.

Giampietro Comolli

==================================

Giampietro Comolli

Giampietro Comolli

Nota: Giampietro Comolli è Editorialista di Newsfood.com,
Curatore della Rubrica di economia,  food&beverage e Gusturismo e della rubrica “Cum grano salis, a cura di Giampietro Comolli

===================================

Redazione Newsfood.com
Contatti

 

 

===================================

L’International Wine and Spirits Show è in corso nella città cinese fino a mercoledì 23 marzo

VINO: IL SISTEMA ITALIA CON VINITALY A CHENGDU
Vini italiani in crescita in Cina: nel 2015 l’export italiano ha raggiunto i 90 milioni di euro (+18%).

Verona, 21 marzo 2016 – Con Vinitaly la promozione del vino italiano torna a Chengdu. Sono state presentate ieri, nella città cinese, le aziende che dal 20 al 23 marzo partecipano con 39 stand, 582 etichette e 131 brand all’International Wine and Spirits Show, fuorisalone del China Food and Drink Fair di Chengdu, il più importante vitivinicolo in Cina dove sono attesi più di 300mila operatori del settore. La presentazione è avvenuta nel corso dell’evento “Italian Wine & the Chinese Market. How to unlock more opportunities”, organizzato da Vinitaly International in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia a Pechino e il Consolato italiano a Chongqing… 21 marzo, Vinitaly_Chengdu (Leggi tutto)

 

=================================================

banner-gazzetta-alimentare-1Gazzetta Normativa Alimentare Web: vino, olio, …

Aggiornamento professionale -via email- leggi italiane ed europee per
aziende, tecnologi e professionisti del settore agroalimentare

Leggi Anche
Scrivi un commento