Vino: gli USA si bevono la metà dei Rossi Toscani DOC

Negli Usa si beve circa la metà dei vini rossi Doc/Docg della Toscana destinati all’estero con il Chianti e il Brunello di Montalcino in pole position. E’ quanto riferisce la Coldiretti
sulla base dell’indagine Nomisma sul posizionamento dei Vqprd (Doc/Docg) italiani nei principali mercati mondiali dove complessivamente si è verificata una crescita record per il vino
Made in Italy con un aumento delle esportazioni in valore del 20 per cento dovuta a una crescita sia sui mercati dell’Unione Europea (24 per cento) sia su quello statunitense ( 16 per cento)
nel primo bimestre del 2006 secondo i dati Istat.

Il 45 per cento dei pregiati vini rossi toscani – precisa la Coldiretti – finisce negli Stati Uniti mentre la Germania assorbe il 40 per cento delle spedizioni estere dei vini bianchi Doc/Docg
del Veneto, come il Prosecco.

Negli Stati Uniti – continua la Coldiretti – è diretto anche ben oltre un terzo (36 per cento) dell’export complessivo di rossi piemontesi Barolo, Barbaresco, Barbera e Grignolino che
tuttavia per il 14 per cento vengono consumati anche in Germania. La destinazione principale dei rossi Veneti come l’Amarone o il Valpolicella è invece il Canada (21 per cento) seguito a
ruota dalla Germania (20 per cento) mentre i bianchi del Trentino e del Friuli come il Traminer e il Collio sono invece destinati soprattutto negli Usa (41 per cento) e in Germania (32 per
cento).

Il trend positivo per il vino italiano che – sottolinea la Coldiretti – dimostra la presenza di nuove e rilevanti opportunità di crescita dopo che nel 2006 ha raggiunto complessivamente
un fatturato record di 9 miliardi di euro, 3 dei quali attraverso l’export, con quasi un terzo della produzione destinata ai 361 vini nazionali Doc e Docg.

Il vino – precisa la Coldiretti – è la principale voce dell’export agroalimentare nazionale con oltre la metà del fatturato complessivo all’estero che viene realizzato sul mercato
comunitario dove la Germania è il principale consumatore di vino italiano . Il primo mercato extracomunitario di sbocco, con un quarto del valore totale delle esportazioni, sono invece –
conclude la Coldiretti – gli Stati Uniti dove il vino Made in Italy ha conquistato il primato rispetto a Francia e Australia.

www.coldiretti.it

Related Posts
Leave a reply